Berlusconi: «Basta chiedere analisi del sangue a Salvini e Meloni, è improprio e strumentale»

giovedì 14 Ottobre 10:34 - di Elsa Corsini

Sì al green pass, solidarietà con le forze dell’ordine, rifiuto delle strumentalizzazioni e delle analisi del sangue sul tasso di democraticità degli alleati. Silvio Berlusconi, in una lunga intervista al Messaggero, fa il punto dell’attualità. A partire dalle polemiche sugli scontri di piazza di sabato scorso. Per concludere con una bocciatura della manifestazione promosso da Cgil alla vigilia del voto. Una sfilata politica, non un condanna di tutte le violenze alla quale il Cavaliere avrebbe aderito.

Berlusconi: il Green pass ha funzionato

Non parlerei di piazze scatenate“, dice Berlusconi, “ma migliaia di manifestanti in buona fede  e di alcuni scalmanati e agitatori professionisti. Gli uni vanno rispettati e rassicurati, gli altri vanno perseguiti con il massimo più rigore”. Nessun ripensamento sull’entrata in vigore del Green pass obbligatorio per lavorare. “È lo strumento che abbiamo scelto per ripristinare gradualmente la normalità. Naturalmente non è uno strumento perfetto. Finora, però, ha funzionato bene. Sta acconsentendo al nostro Paese di rimettersi in moto. Capisco i problemi tra i lavoratori e nelle aziende più, ma non dobbiamo dimenticare che l’unica alternativa è l’obbligo vaccinale. Che noi di Forza Italia abbiamo proposto fin dall’inizio“.

“I violenti vanno isolati. Ma non siamo negli anni ’70”

Sull’assalto alla Cgil il leader azzurro conferma la massima solidarietà a Landini. “Siamo politicamente lontani, ma la libertà, la democrazia, la tolleranza sono un patrimonio comune”. Berlusconi condanna la violenza che va isolata con il massimo rigore. Ma, aggiunge, “per fortuna non siamo negli anni ’70”. Sulla gestione del Viminale è cauto, ma tra le righe si nota qualche consiglio alla ministra Lamorgese.  “Si tratta di gestione situazioni complesse di ordine pubblico.  Tutelando il diritto di manifestare liberamente la propria opinione e al tempo stesso prevenendo la repressione con la massiccia energia di ogni illegalità”.

Basta con le analisi del sangue ai miei alleati

Rispedisce al mittente la campagna mediatica contro gli alleati. Quasi sorride di fronte alle accuse di contiguità con i nostalgici del fascismo. “Non saremmo alleati con Salvini e Meloni se non ci fosse la massima chiarezza su questo. Ritengo che continuare  a chiedere esami del sangue ai nostri alleati sia improprio e strumentale».

La piazza di sabato è un evento di parte

La coalizione – ribadisce Berlusconi – fonda il suo valore sulla libertà e sulla democrazia, incompatibili con qualsiasi ideologia totalitaria. Ma non si unisce neppure ‘da lontano” alla manifestazione del 16 ottobre in piazza San Giovanni. “Avrei voluto una grande manifestazione contro l’ideologia totalitaria,  tragedia del 900. Altra cosa è una manifestazione di parte durante il silenzio elettorale. Alcune forze di sinistra hanno scelto questa strada. Che è legittima, ma non ci riguarda“.

“Roma ha bisogno di discontinuità con Michetti”

Per il futuro di Roma dopo la stagione fallimentare della Raggi nessun dubbio. “Roma ha bisogno di discontinuità e solo il centrodestra guidato da Enrico Michetti può garantirlo. Vuol dire le tasse e ed aumentare l’efficienza, ma anche valorizzare Roma come merita. Michetti, con la sua competenza amministrativa, ha l’esperienza per un razionale impiego delle risorse del Pnrr».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *