Ad Alec Baldwin era stato detto “cold gun”, pistola scarica: simile incidente già 2 giorni prima

sabato 23 Ottobre 11:48 - di Roberto Frulli

Cold Gun”, pistola fredda: era stato detto questo ad Alec Baldwin (nella foto insieme a tutto il cast di Rust) mentre si apprestava a girare la scena del film western ‘Rust’ costata la vita alla direttrice della fotografia Halyna Hutchins, raggiunta da un proiettile sparato, per errore, dall’attore il quale credeva che l’arma che impugnava fosse scarica.

In gergo, “cold gun” significa, appunto, un’arma scarica. È questo è stato detto all’attore. Che ha fatto fuoco inconsapevole del fatto che, invece, la pistola era caricata con proiettili veri, non a salve come di usa, generalmente, nei film.

È il Los Angeles Times a ricostruire come sono andate le cose raccontando la dinamica dei fatti grazie a una fonte della produzione del film.

Baldwin si stava, appunto, preparando a girare la scena in cui estrae una pistola da una fondina.

I membri della troupe avevano già gridato “cold gun” sul set, mentre il team di registi stava allineando le angolazioni della telecamera e doveva ancora ritirarsi nell’area sul set dove la troupe si riunisce per guardare le riprese da lontano tramite un monitor.

Invece, l’operatore della fotocamera era su un carrello con un monitor e stava controllando le inquadrature.

Anche la direttrice della fotografia Halyna Hutchins, poi ferita a morte da Alec Baldwin, stava guardando il monitor appoggiata sulla spalla dell’operatore, così come il regista del film, Joel Souza, che era accovacciato proprio dietro di lei.

Baldwin ha estratto la pistola dalla fondina e ha sparato una prima volta senza incidenti, ma quando ha ripetuto l’azione, è partito il colpo proprio in direzione della Hutchins, del regista e dell’operatore.

Secondo il racconto, lo stesso proiettile dopo avere sfiorato l’operatore, ha colpito la Hutchins e poi Souza.

La ricostruzione del Los Angeles Time viene confermata anche dai documenti del Tribunale di Santa Fe, competente del caso, secondo cui la pistola era stata consegnata all’attore da un assistente alla regia, che non sapeva che fosse stata caricata con proiettili veri e che aveva detto che l’arma era sicura.

Ma la cosa ancor più grave è che la stessa arma usata da Alec Baldwin sul set di ‘Rust‘ aveva già sparato accidentalmente due colpi qualche giorno prima del tragico incidente di ieri che ha causato la morte della direttrice della fotografia Halyna Hutchins.

Sempre secondo il Los Angeles Times, infatti, la controfigura di Baldwin sabato scorso aveva sparato accidentalmente due colpi con quella stessa pistola, dopo che gli era stato detto che l’arma era “fredda“, termine usato in gergo per definire un’arma che non ha munizioni, comprese le cartucce a salve. Insomma completamente scarica.

Lo hanno riferito al quotidiano due membri della troupe che hanno assistito all’episodio.

“Ci sarebbe dovuta essere un’indagine su quanto accaduto – ha detto uno dei due uomini della troupe – e invece non ci sono state riunioni di sicurezza. Non c’era alcuna garanzia che non sarebbe successo di nuovo. Tutto quello che volevano era correre, correre, correre”. I costi delle produzioni di Hollywood sono infatti altissimi e anche un solo minuto perso costa centinaia di migliaia di dollari. Il ruolino di marcia è frenetico e scandito secondo una pianificazione molto rigida e pignola che non lascia spazio a ritardi e improvvisazioni.

Un uomo dello staff si era molto allarmato da quello che era successo, tanto da avere inviato un messaggio al responsabile di produzione in cui parlava di una situazione “molto pericolosa”.

La produzione, in una nota riportata dal Los Angele Times, spiega: “La sicurezza del nostro cast e della troupe è la massima priorità“. Ed ha aggiunto: “Anche se non siamo stati informati di alcun reclamo ufficiale riguardante la sicurezza di armi o oggetti di scena sul set, faremo una revisione interna delle nostre procedure durante il periodo dell’interruzione della produzione. Continueremo a collaborare con le autorità di Santa Fe nelle indagini e offriremo aiuti psicologici al cast e alla troupe durante questo tragico periodo”.

La persona incaricata di sorvegliare le armi di scena è Hannah Gutierrez Reed, ventiquattrenne figlia del veterano armaiolo Thell Reed, e ha recentemente finito di girare il suo primo film come armaiola, ‘The Old Way‘, un western con Nicolas Cage.

Sulla sua pagina Instagram dove, nei giorni scorsi, Alec Baldwin aveva postato diverse  foto del set compresa una di tutta la troupe, il celebre attore scrive: “Non ci sono parole per trasmettere tutto il mio shock e la mia tristezza per il tragico incidente che ha strappato la vita di Halyna Hutchins, una moglie, una madre, una nostra collega profondamente ammirata. Sto collaborando attivamente con le indagini di polizia per capire come è potuta accadere questo tragedia”.

E, poi, in un successivo messaggio, Baldwin ha aggiunto: “sono vicino al marito di Halyna per offrire tutto il mio supporto a lui e alla sua famiglia. Il mio cuore è spezzato per suo marito, per i suoi figli, per chiunque conosceva Halyna”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *