Accoltellato a morte il deputato conservatore David Amess, la Gran Bretagna sotto choc

venerdì 15 Ottobre 17:40 - di Roberto Frulli

Il deputato conservatore David Amess è stato ucciso con più coltellate sferrate nella chiesa metodista di Belfairs a Leigh-on-Sea da un uomo che è stato poi arrestato. La Gran Bretagna è sotto choc per la morte di David Amess.

La polizia dell’Essex ha affermato di aver arrestato l’uomo proprio in relazione all’accoltellamento del deputato conservatore e di aver recuperato l’arma utilizzata nell’aggressione puntualizzando, su Twitter ”non stiamo cercando nessun altro”.

Sky News ha riferito che il deputato è stato accoltellato ”un certo numero di volte” mentre partecipava a un incontro con i suoi elettori. Amess ha ricevuto le prime cure sul posto e le sue condizioni sono apparse subito disperate.

”Siamo stati chiamati per un accoltellamento a Eastwood Roadd North poco dopo le 12:05. Un uomo è stato arrestato poco dopo e non stiamo cercando nessun altro. Forniremo maggiori informazioni quando le avremo”, si legge nella nota della polizia.

Le bandiere fuori dal Palazzo di Westminster sono state ammainate a mezz’asta in segno di lutto per la morte di David Amess e il premier britannico Boris Johnson è rientrato a Downing Street da Bristol, dove ha presieduto una riunione di governo.

Il ministro dei Trasporti britannico Grant Shapps è stato fra i primi a rendere omaggio ad Amess parlando di notizia “terribile” e “tragica”.

Su Twitter, il ministro ha scritto: ”brutte, tragiche notizie su David. Un uomo devoto, premuroso e un vero parlamentare, che ha perso la vita servendo gli elettori per i quali ha lavorato incessantemente per tutta la sua carriera. I miei pensieri sono con la sua famiglia e i suoi amici in questo momento”.

“Straziante venire a sapere della morte di Sir David Amess. Uomo perbene e parlamentare rispettato, ucciso nella sua stessa comunità mentre svolgeva il suo dovere. Un giorno tragico per la nostra democrazia. I miei pensieri e le mie preghiere vanno alla famiglia di David“, ha scritto su Twitter l’ex-premier britannica Theresa May.

E ora, dopo l’ennesimo fatto di sangue, la politica britannica si trova di fronte alla necessità di rivedere i dispositivi di sicurezza per i parlamentari.

Tra i primi a chiedere una “revisione indipendente” è Robert Halfon, deputato conservatore dell’Essex, in una dichiarazione al Telegraph.

“Questa è la terza volta e ogni volta diciamo che non lasceremo che accada di nuovo e niente cambia”, ha detto Halfon dopo la notizia dell’accoltellamento e della morte del collega di partito David Amess.

“Siamo tutti esposti, e teniamo i nostri incontri con gli elettori e tutti sanno chi siamo e dove viviamo. Questo è un problema serio”, ha aggiunto il deputato, che chiede una “revisione indipendente” delle misure di sicurezza a protezione dei parlamentari.

“La cosa meravigliosa dei parlamentari britannici è che sono accessibili agli elettori – ha detto ancora Halfon – io non so la risposta, se abbiamo bisogno di polizia o di addetti alla sicurezza” durante gli incontri pubblici.

“Oggi i rappresentanti eletti di tutti gli schieramenti politici saranno uniti nella tristezza e nello shock. In una democrazia, i politici devono essere accessibili e soggetti a controllo, ma nessuno merita di essere ucciso mentre lavora e rappresenta i propri elettori”, dice, in una nota riportata dal Guardian, la prima ministra scozzese, Nicola Sturgeon, commentando la notizia della morte di Amess, aggredito in chiesa.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *