Padre uccide la figlia 60enne nel giorno del compleanno e si suicida: i parenti trovano i corpi in strada

venerdì 17 Settembre 16:31 - di Redazione
padre uccide figlia

Il padre 88enne uccide la figlia 60enne e poi rivolge l’arma contro di sé e si suicida: i parenti trovano i corpi dei loro cari sul selciato… Una tragedia consumata in strada e nel giorno del compleanno di una delle vittime. È successo tutto al culmine di una lite, in seguito alla quale l’anziano genitore ha ucciso la figlia 60enne, che era andato a trovar per festeggiare la ricorrenza familiare. Un omicidio-suicidio finito sotto gli occhi dei parenti che, andati in casa della donna per il pranzo di festa, si sono ritrovati davanti i due cadaveri sull’asfalto, in via Palù, a Sarmeola di Rubano (alle porte di Padova). E hanno dato l’allarme alle forze dell’ordine, che ora indagano per identificare il movente della tragedia.

Omicidio-suicidio nel Padovano: il padre imbraccia l’arma e uccide la figlia

Entrambe, sia il padre che la figlia, erano cittadini di origine serba. Secondo una prima ricostruzione che i Carabinieri al lavoro sul caso hanno ipotizzato e ricostruito, sembra che l’anziano genitore, residente a Monfalcone (Go), fosse appena arrivato a casa dalla figlia dal Friuli Venezia Giulia. Quando, dopo una lite, ha imbracciato l’arma esplodendo contro la 60enne alcuni colpi di pistola, inseguendola e uccidendola in strada.

I corpi trovati in strada dai parenti arrivati per festeggiare il compleanno della donna

Poco dopo, davanti al cancello dell’abitazione, l’uomo ha puntato il revolver contro si sé e si è suicidato. E quando alcuni parenti che stavano andando nella casa della donna per festeggiare il suo compleanno sono arrivati per padre e figlia non c’era già più nulla da fare. Sul posto sono arrivati i carabinieri del Nucleo investigativo di Padova. E i militari della stazione locale che, eseguiti i rilievi e i primi riscontri del caso, ora cercano di definire i contorni della triste vicenda. E i motivi che l’hanno scatenata…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *