Franceschini e Gualtieri si accorgono che a Piazza Vittorio c’è degrado… ma fino ad oggi dove stavano?

mercoledì 29 Settembre 12:29 - di Riccardo Angelini
piazza vittorio

“Mi piacerebbe fare una sfida insieme su piazza Vittorio, mettendo insieme tanti interlocutori Comune, Ministero dell’Interno, della Cultura e I Municipio. E’ stato recuperato il parco ma si cominciano a rivedere fenomeni non gradevoli“. A parlare è il ministro della Cultura Dario Franceschini, intervenendo a ‘La cultura fa per Roma’ al Brancaccino Openair, insieme a Roberto Gualtieri.

Da anni i residenti dell’Esquilino non ricevono risposte

Il Pd si accorge che a Piazza Vittorio c’è un problema di degrado e di sicurezza, un problema enorme, dinanzi al quale l’espressione “fenomeni non gradevoli” suona come una presa in giro. Eppure i residenti dell’Esquilino fanno cortei e fiaccolate per farsi sentire fin dai tempi in cui era sindaco Ignazio Marino. E non hanno avuto risposte. I giardini recuperati? Va bene, ma senza un intervento complessivo in tutta l’area si tratta di un palliativo. Eppure è proprio il Pd a governare il Municipio I. Quello del centro storico.

Il Pd si accorge che Piazza Vittorio è una delle più belle d’Europa

“C’è un lavoro straordinario da fare – aggiunge ancora Franceschini – è una delle piazze più belle d’Europa. Facciamo un grande progetto, anche sulla sicurezza. Se vinciamo questa sfida è la prima delle tante che potremo vincere in altri luoghi della città non centrali”.

Un po’ tardi per presentarsi a quel quartiere di Roma promettendo una “resurrezione” sempre rinviata, anzi cancellata proprio dall’agenda. L’ultimo corteo dei residenti risale allo scorso luglio. Secondo chi in quello spicchio di Roma ci lavora e ci abita anche il termine degrado non basta più a definire lo scempio del contesto urbano: senzatetto e baraccopoli, droga e spaccio.

La nota di protesta  dei residenti e dei commercianti

Le loro proteste sono riassunte in una nota che Roma Today ha pubblicato: “Negli ultimi anni, grazie al lavoro e alla dedizione di semplici residenti sono stati presentati, alle Istituzioni e alle FFOO documenti comprovanti il terribile stato in cui versano i nostri Rioni”. “Esposti e diffide – continua il documento – hanno raggiunto le scrivanie di tutti gli amministratori, i dirigenti, i funzionari dei settori degli enti pubblici preposti alla realizzazione e al mantenimento di tutto quello che dovrebbe essere ovvio”.

I portici di Piazza Vittorio sono abbandonati a se stessi

Fra le problematiche oggetto di rivendicazione, lo stato della pulizia dei portici di Piazza Vittorio – “mai sottoposti a manutenzione” – e lo stato delle strade, piene di “rifiuti non smaltiti, dispersione del vetro da parte dei tanti alcolisti che vivono in strada, vetrine e palazzi abbandonati e insudiciati”.

Risse, alcol e prostituzione nelle vie attorno alla stazione Termini

Ancora – prosegue la nota – c’è tutta la zona compresa fra Piazza della Repubblica, via Marsala e via Giolitti (l’area della stazione Termini, insomma), dove “vengono svolte quotidianamente attività quali: spaccio e consumo di stupefacenti a viso aperto, scippi, borseggi, atti vandalici alle auto parcheggiate e agli esercizi commerciali, aggressioni fisiche e verbali, risse, assembramenti non consentiti dalle norme anti Covid, prostituzione, vendita e somministrazione illegale di bevande alcoliche con relativa conseguenza di ulteriori violenze e schiamazzi”. Una terra di nessuno, dove il Pd (che già sta facendo accordi sottobanco con i Cinquestelle che hanno governato Roma per 5 anni) ha il coraggio di chiedere ancora voti.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *