Covid, ecco chi si ammala più gravemente: sono gli “autoanticorpi” a finire sotto accusa

mercoledì 1 Settembre 9:17 - di Liliana Giobbi
autoanticorpi

Si chiamano autoanticorpi. E neutralizzano delle molecole (gli interferoni) che hanno un ruolo essenziale nella corretta risposta immunitaria a Covid. Le persone che li hanno tendono ad ammalarsi di forme particolarmente gravi della malattia da coronavirus. A gettare luce su questo meccanismo sono due lavori apparsi su “Science Immunology”. Lavori che potranno avere importanti ricadute anche nella gestione clinica della malattia. Riportano i risultati dello studio di un consorzio internazionale di ricercatori, in cui figura anche un importante contributo italiano.

La presenza di autoanticorpi

A dare linfa alla ricerca degli scienziati è stato anche il super archivio “Storm” dei pazienti Covid. A coordinarlo è l’università di Milano-Bicocca in sinergia con l’Asst di Monza. Emerge che la prevalenza degli interferoni di tipo I aumenta oltre i 60 anni d’età, E questi sono alla base di circa il 20% di tutti i casi fatali di Covid-19. Ma c’è un dato ritenuto cruciale dagli esperti. La ricerca infatti mostra che la presenza di autoanticorpi precede l’insorgenza di Covid-19. Questo permetterebbe di giocare d’anticipo, con vaccini e trattamenti precoci basati sull’uso di anticorpi monoclonali.

Implicazione terapeutiche importanti

A parlare sono Paolo Bonfanti, professore di Malattie infettive di Milano-Bicocca, e Andrea Biondi, professore di Pediatria dello stesso ateneo. «I risultati», affermano, «potrebbero avere implicazioni terapeutiche molto importanti. Anzitutto la ricerca degli anticorpi anti-interferone potrebbe divenire un test di screening». Questo, vista la discreta frequenza di questi autoanticorpi nella popolazione generale con il progredire dell’età.

I pazienti con autoanticorpi

«In secondo luogo, i pazienti con autoanticorpi contro l’interferone di tipo I dovrebbero essere vaccinati contro Covid prioritariamente. E infine, in caso di infezione da Sars-CoV-2, le persone non ancora vaccinate – in cui fosse rilevata la presenza di questi autoanticorpi -dovrebbero essere ricoverate in ospedale per una corretta gestione clinica. Il trattamento precoce con anticorpi monoclonali potrebbe essere somministrato in questi pazienti prima che compaiono sintomi di polmonite da Covid».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )