Arriva la prima condanna a morte dei Talebani: è il fratello di un afghano interprete per gli Usa

martedì 24 Agosto 9:36 - di Paolo Lami
talebani

E, alla fine, eccolo tornare a galla il vero volto dei Talebani che, dopo tante rassicurazioni pubbliche sul rispetto dei diritti in Afghanistan e sulla decisione di non perseguire chi ha collaborato con la coalizione internazionale, ora  annunciano la prima condanna a morte nel Paese per il fratello di un afghano che ha prestato servizio come interprete alle truppe americane.

Non sono passati che pochi giorni da quando i Talebani hanno preso Kabul e, con la capitale, quasi tutto il controllo dell’Afghanistan se si escludono le provincie della valle del Panjshir. Eppure con questa condanna a morte si torna di colpo indietro di vent’anni.

Era nell’aria, certo. Erano in pochi a credere che le promesse di pace dei Talebani fossero reali e concrete. E ora cade il velo sulle vere intenzioni degli ex-studenti delle scuole coraniche. L’accusa dei Talebani formulata contro l’uomo condannato a morte è quella di aver aiutato gli Usa e di fornire protezione a suo fratello. Lo rivela la Cnn, che pubblica anche le immagini delle tre lettere che sono scritte in pashtu e “hanno sigilli che corrispondono a quelli delle lettere d’archivio talebane“.

La prima lettera dei talebani, scritta a mano, ordina all’uomo di comparire per un’udienza. La seconda, sempre manoscritta, è un avviso della sua mancata comparizione per l’udienza. Nella terza lettera, che è dattiloscritta, i talebani informano l’uomo che, poiché ha rifiutato i precedenti avvertimenti di fermare “la servitù ai crociati invasori” e ignorato il mandato di comparizione per un’udienza, è stato giudicato “colpevole in contumacia” e per lui è stata emessa una sentenza di morte.

“Queste decisioni del tribunale sono definitive e non avrai il diritto di opporti – si legge nella terza lettera – Hai scelto questo percorso per te stesso e la tua morte è eminente [sic], se Dio vuole”. “Abbiamo raggiunto l’obiettivo per cui eravamo andati lì“, sostiene spudoratamente da Singapore, dove è arrivata domenica per un viaggio che prosegue in queste ore in Vietnam, la vicepresidente Usa, Kamala Harris nel penoso e anche un po’ ridicolo tentativo di costruire una narrazione favorevole alla decisione di Biden di spiantare in fretta e furia e in maniera caotica lasciandosi alle spalle un Paese completamente allo sbando e dal futuro incerto. La prima condanna a morte nel nuovo Afghanistan talebanizzato è lì a smentirla.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )