Via il canone Rai dalla bolletta elettrica: l’Europa chiede a Draghi di cancellare la legge di Renzi

28 Lug 2021 19:34 - di Michele Pezza
Canone Rai

Mai come questa volta risulterà popolare (scommettiamo?) il fatidico «ce lo chiede l’Europa». Ragione per cui (ri-scommettiamo?) non lo sentiremo uscire spesso per l’occasione dalla bocca dei soliti noti. Comunque sia, sembra proprio che il pagamento del canone Rai nella bolletta elettrica abbia i mesi contati. Ve lo inserì – ricordate? – il governo Renzi con la legge di Stabilità del 2015. L’obiettivo era venire a capo della massiccia evasione dell’odioso balzello. Che infatti crollò dal 30 al 4 per cento. Un pedaggio d’altri tempi, buono per la tv in bianco e nero ma più anacronistico di un’auto a manovella ora che la concorrenza si è spostata dalle antenne alle piattaforme tecnologiche.

Governo al lavoro sul ddl sulla concorrenza

A Draghi, che già si è impegnato a tanto nel Pnrr, tocca ora farlo pagare inventandosi un’altra modalità. Facile a dirsi, ma non a farsi. La richiesta di Bruxelles nasce dalla necessità di rimuovere «il requisito per i fornitori di riscuotere oneri non collegati al settore energetico». Significa che nelle fatture elettriche non c’è più spazio per altre voci. L’operazione dovrebbe concretizzarsi a breve e trovare sede nel prossimo disegno di legge sulla concorrenza. Il governo ci sta già sta lavorando e presto potrebbe arrivare in Consiglio dei ministri. Una volta approvata, la nuova norma cancellerebbe la voce canone Rai dalla bolletta elettrica. Si tratta di 90 euro annui spalmati in 9 euro mensili per 10 mesi.

Il Codacons: «Il canone Rai è l’imposta più odiata»

La misura imposta (finalmente) dall’Europa ha già incassato il plauso del Codacons che la sostiene «a pieni voti». Per l’associazione dei consumatori il canone Rai è «l’imposta più odiata dagli italiani». E il suo inserimento nelle bollette elettriche «ha rappresentato una vera e propria vessazione a danno degli utenti». Il Codacons, tuttavia, vorrebbe dal governo attuale un passo in avanti. «Sono ormai maturi i tempi – si legge in una nota – per procedere ad una abolizione totale del canone Rai, considerato il nuovo scenario del mercato televisivo italiano e la possibilità per la Rai di concorrere ad armi pari con le altre reti attraverso la raccolta pubblicitaria».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA