Via D’Amelio, l’agente sopravvissuto: c’è chi sta continuano a depistare

sabato 17 Luglio 17:05 - di Roberto Frulli
BORSELLINO, SORELLA-DEL-MAGISTRATO UCCISO A VIA D'AMELIO-CON-LAGENTE-SOPRAVVISSUTO-ANTONIO-VULLO

Antonio Vullo è l’unico agente di scorta sopravvissuto nella strage di Via D’Amelio dove, quel 17 luglio di 29 anni fa, la mafia uccise con un’autobomba, il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta.

Vullo non ha mai smesso di ripeterlo ed anche oggi, a due giorni dall’anniversario della strage, torna a sottolinearlo: “non c’era solo la mafia” dietro la strage di via D’Amelio.

Ma non è solo questo che lo tortura.“Sicuramente c’è qualcuno che ancora adesso cerca di tirare bene i fili. I depistaggi, purtroppo, continuano. E la volontà di qualcuno, anche nelle istituzioni, non permette di arrivare fino alla verità dei fatti. Dopo 29 anni”.

Parole pesanti che riportano alla memoria quella domenica pomeriggio del 19 luglio 1992 quando, alle 16.58, tutto saltò in aria, portando via sei persone.

Vullo è rimasto ferito in via D’Amelio. Ed oggi è venuto qui per il presidio organizzato in vista del 29esimo anniversario di lunedì.

In tanti lo riconoscono e lo avvicinano per chiedere di fare una foto con lui, gli stringono la mano. Ma Antonio Vullo non lo fa volentieri. Si imbarazza.

Un collega poliziotto gli dice: “Sei un eroe, grazie a uomini come te oggi la lotta alla mafia è più facile”. E lui si schermisce. “No, non sono un eroe. Il giudice e i miei colleghi lo erano…”, e indica il portone. È lì che Paolo Borsellino si trovava quando scoppiò l’autobomba.

Ieri sera Antonio Vullo ha partecipato, nell’atrio di Giurisprudenza a Palermo, a ‘La Grande Menzogna, il depistaggio di via D’Amelio‘, la drammaturgia sugli atti della Commissione regionale antimafia dell’Ars che nei giorni scorsi ha pubblicato la relazione sul depistaggio.

“Ci sono ancora tanti di quei personaggi famosi, nelle istituzioni che non vogliono arrivare alla verità – dice Vullo in una intervista all’Adnkronos – perché non è solo un fattore di mafia, ma qualcosa di più. Anche perché abbiamo visto subito dopo quello che hanno fatto…”.

“I depistaggi sulla strage di via D’Amelio continuano – prosegue l’ex-agente di scorta di Paolo Borsellino. – E ogni volta che ci avviciniamo alla verità, subentra sempre un fatto esterno che ci riporta indietro nelle inchieste“.

“Vedendo l’evolversi della situazione in questi anni – dice Vullo – si capisce che i depistaggi continuano a essere presenti e sicuramente non fa bene alla nostra storia. Né a noi che abbiamo subito questa strage e non fa bene soprattutto agli italiani che credono di potere arrivare alla verità. Anche adesso, qui, in via D’Amelio, vede, ci sono tante persone che vengono ad omaggiare il giudice e i miei colleghi morti quel giorno, e cercano anche loro di avere una verità”.

Ma chi non vuole la verità? Chi non vuole sapere cosa accadde realmente, chi ha voluto la morte del giudice antimafia?

“Il 19 luglio, quando qualcuno è entrato in questo inferno, mentre era tutto in fumo, con auto che esplodevano e le stesse armi che esplodevano. Qualcuno è venuto a fare quell’atto vergognoso. Ancora oggi restano i video e ci chiediamo il perché”.

Antonio Vullo si riferisce alla borsa del giudice portata via dall’auto, con l’agenda rossa all’interno. Un’agenda mai più ritrovata.

Sulla piece drammaturgica di ieri sera, con attori come David Coco e la presenza dello stesso presidente dell’Antimafia Claudio Fava, Antonio Vullo, che era seduto accanto a Fiammetta Borsellino, dice: “L’effetto è sempre quello che ti riporta a quel giorno, è stato fatto in modo drammaturgico ma ha evidenziato tanti passaggi, come il depistaggio, la mente è tornata al 19 luglio“.

Non è facile, per me, ritornare in via d’Amelio, io di solito vengo quando non c’è nessuno – rivela Vullo – perché trovo un momento di pace, mi sento molto vicino a loro, al giudice e ai miei colleghi, quando non c’è nessuno, perché riesco a riconciliare la mia vita con chi è rimasto qui, quel giorno, per sempre. Quando ci sono tante persone, mi torna in mente il fatto di essere sopravvissuto, una emozione così forte che mi fa stare malissimo. Trovandomi accanto ai familiari delle vittime è qualcosa che scatena tanto di quel dolore che penso che al posto mio poteva esserci Claudio, Vincenzo, Emanuela. Ed è una conseguenza che mi fa stare malissimo, mentre quando sono da solo riesco a trovare la pace“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica