Traffico di rifiuti per fare una vita da nababbi: retata a Palermo di milionari che utilizzavano soldi pubblici

venerdì 16 Luglio 8:11 - di Lucio Meo

Partinico, San Giuseppe Jato e San Cipirello. Sono questi i tre Comuni del palermitano interessati, all’alba di oggi, dall’operazione ‘Cogenesi’ dei Carabinieri e della Guardia di finanza di Partinico che ha portato al sequestro di beni per oltre 2,5 milioni di euro e agli arresti domiciliari di tre amministratori di imprese operanti nel settore dei rifiuti e già destinatarie di provvedimenti interdittivi antimafia per collegamenti con esponenti mafiosi del mandamento di San Giuseppe Jato. L’ordinanza, emessa dal gip di Palermo su richiesta della procura, prevede anche l’obbligo di dimora per l’amministratore di diritto e socio di alcune delle imprese e la sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio per un dipendente del Comune di Partinico. L’accusa, a vario titolo, è di bancarotta fraudolenta, intestazione fittizia di beni e quote societarie, inadempimento di contratti per pubbliche forniture, utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, riciclaggio e autoriciclaggio.

Dal traffico di rifiuti alla vita di lusso

Al centro dell’indagini la Cogesi srl, ditta a cui il Comune di Partinico aveva aggiudicato il noleggio dei mezzi per il servizio di raccolta dei rifiuti. Le indagini, condotte anche attraverso l’esame dei flussi finanziari delegati dalla Procura di Palermo ai finanzieri di Partinico, hanno consentito di ipotizzare che gli indagati, “attraverso dei crediti sorti in capo ai soci e relativi a spese risultate fittizie per l’acquisto di carburante nonché ad altre operazioni simulate con una ditta individuale di fatto riconducibile agli indagati, avrebbero architettato un fittizio aumento del capitale sociale della Cogesi srl con il mero fine di accrescere la solidità economico-finanziaria e patrimoniale dell’azienda ed accedere così a bandi di gara più consistenti, inducendo in errore la pubblica amministrazione e continuando ad arricchirsi indebitamente con l’aggiudicazione illecita degli appalti indetti da vari enti locali per la gestione dei rifiuti”.

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi