Bollette a 28 giorni, il Tar del Lazio annulla la maxi-multa agli operatori

lunedì 12 Luglio 18:51 - di Redazione
luce gas antitrust

Il Tar del Lazio annulla le maxi multe inflitte a fine gennaio 2020 dall’Antitrust a Fastweb, Tim, Vodafone e WindTre per una presunta intesa anticoncorrenziale relativa alla modifica dei prezzi dopo il ritorno alla fatturazione mensile e non più alle bollette a 28 giorni.
Complessivamente le sanzioni irrogate agli operatori che avevano mazzolato i clienti con il giochetto delle bollette a 28 giorni ammontavano a 228 milioni di euro.

Oggi il Tar ha accolto i ricorsi dei quattro operatori delle telecomunicazioniFastweb, Tim, Vodafone e WindTre – sollevandoli dal pagare la super multa.

Ma dietro l’angolo c’è il Consiglio di Stato che potrebbe decidere di cambiare le carte in tavola costringendo gli operatori a pagare la maxi-multa.

“Una vergogna! Che la giustizia non funzioni in questo Paese è cosa nota, ma ora si è toccato il fondo”, protesta Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori commentando la decisione del Tar del Lazio che ha annullato le maxi sanzioni inflitte nel gennaio 2020 dall’Antitrust a Fastweb, Tim, Vodafone e WindTre per la questione delle bollette a 28 giorni.

“Il Tar – osserva con una punta di amarezza  Dona – continua ad assecondare la politica dilatoria delle compagnie telefoniche, che si arrampicano sui muri e sugli specchi a caccia di cavilli legali pur di poter fare i loro comodi in barba a quanto hanno deciso le Authority: Agcom e Antitrust. Una decisione che ci lascia sgomenti!”, conclude Dona.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )