Scontro ferocissimo tra Calenda e Rizzo: «Una pagliacciata». «Allora cuccatevi Draghi…»

17 Giu 2021 14:03 - di Redazione
Calenda

Scontro feroce tra Carlo Calenda, leader di Azione, e Marco Rizzo, segretario generale del Partito Comunista. Il tutto è iniziato come riporta Il Tempo quando Marco Rizzo ha ricevuto l’invito alla trasmissione di Rai 2 “Anni20” che dopo qualche settimana dalla chiusura anticipata è tornata in versione estiva. A quel punto, scrive il quotidiano romano «pare venga raggiunto da una telefonata: l’ufficio stampa di Carlo Calenda vieta categoricamente il confronto tra il leader di Azione candidato sindaco a Roma e il comunista Marco Rizzo… Rizzo accetta ma dice: questa cosa la farò sapere ai media. Ed ecco magicamente che cade il veto di Calenda».

Calenda e Rizzo ad “Anni20”

E così i due si sono ritrovati uno di fronte all’altro. La discussione tra i due si è accesa subito, soprattutto quando si è parlato di economia e del ruolo dell’Europa in merito al blocco dei licenziamenti. Il primo ad infiammarsi è stato Rizzo. «L’Europa è matrigna. L’Italia è piena di piccole e medie imprese che sono l’asse portante dell’occupazione del nostro Paese. Poi esiste Amazon, lo Stato potrebbe fare una piattaforma pubblica priva di profitto che consente a tutti i piccoli commercianti di fare le stesse cose di Amazon ed evitare di regalare al signor Bezos 44 miliardi di ricavi e zero tasse. Non sono cose bolsceviche ma cose che si potrebbero fare già in questo governo». Calenda ha controbattuto: «Io detesto Amazon. Ho chiesto più volte una tassa sul fatturato e quando hanno provato a mettere il braccialetto elettronico ai lavoratori li ho presi a calci nel sedere».

«Marco sei una persona più seria di questa pagliacciata»

Il leader di Azione continua: «Questa cosa per cui le questioni si risolvono con lo Stato che fa tutto, è risibile. Lo Stato ha già problemi con la sanità in Calabria che è un disastro, in Puglia pure, lo metti a fare Amazon? Ma di che stiamo parlando?». «Questo succede perché la politica è sottomessa… È uno Stato che fa quaquaraquà. Sono genuflessi a quei poteri. Politici inetti, servi di quel potere», ha replicato Rizzo. A quel punto i toni si sono alzati e la conduttrice, Francesca Parisella, è stata costretta a intervenire. Infine Calenda ha preso la parola e rivolgendosi a Rizzo ha detto: «Marco sei una persona più seria di questa pagliacciata… Io ragiono con la mia testa e dei diktat di Bruxelles non mi interessa niente. Ma non puoi dire che con la scuola italiana che sta a pezzi lo Stato deve fare Amazon. Ma che stai a dì…». (guarda video). «Allora cuccatevi Draghi». «Infatti me lo sono cuccato molto volentieri», risponde il leader di Azione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA