M5S, la lotta all’ultimo sangue tra (ex) fratelli: ecco chi si schiera con Conte e chi con Grillo

domenica 27 Giugno 10:13 - di Mia Fenice
M5s

«Aristocrazia grillina in guerra fratricida», come dice Aldo Grasso, per la guida del nuovo M5S. Ma nello scontro durissimo tra Giuseppe Conte e Beppe Grillo come si schierano i big? Facendo i conti si attribuiscono a Grillo i deputati (162) e a Conte i senatori (75). Al Senato la maggioranza degli eletti è già al secondo mandato e punta su Conte sperando che riesca a trovare il modo di superare il divieto di una terza elezione difeso a spada tratta dal fondatore. Il Corriere della Sera, mostra i due schieramenti e fa i nomi di chi sostiene Grillo e di si schiera con Conte.

M5S, chi appoggia Grillo

Ad appoggiare  Grillo, sottolinea il quotidiano milanese, ci sono alcuni volti storici del Movimento. Come, per esempio, Carla Ruocco. O Danilo Toninelli. C’è anche l’ex ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, il capogruppo alla Camera Davide Crippa e il deputato Angelo Tofalo. «Con loro quasi tutti i deputati alla prima esperienza parlamentare fedeli ad una delle regole fondamentali del M5S ma anche preoccupati, visti anche i pochi posti che rimarranno disponibili per il combinato disposto del calo dei consensi e del taglio dei parlamentari, di non avere più chance di rielezione».

M5S, i sostenitori di Conte

Con Giuseppe Conte, invece, sono schierati in gran parte i senatori. «Sono sicuramente al fianco dell’ex premier nel tentativo di dare vita ad un nuovo Movimento 5 Stelle – scrive il Corriere – i tre che venerdì sera sono stati a casa sua per oltre due ore per individuare possibili vie d’uscita dall’impasse. Sono il ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli, la vicepresidente del Senato Paola Taverna, il capogruppo a Palazzo Madama Ettore Licheri. Ma sta sicuramente con Conte anche l’ex ministro della Giustizia Alfonso Bonafede».

Chi non si schiera

E poi, sottolinea infine il Corriere, c’è chi non schiera, come per esempio il ministro degli Esteri, già capo politico del Movimento, Luigi Di Maio, e come il presidente della Camera, Roberto Fico. E anche Stefano Buffagni, ora deputato e in precedenza viceministro allo Sviluppo economico nel secondo governo Conte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )