Il “New York Times”: Trump voleva che l’Fbi indagasse sulla teoria complottista “Italygate”

sabato 5 Giugno 21:01 - di Redazione
Italygate

Nelle ultime settimane di presidenza di Donald Trump, il suo capo dello staff, Mark Meadows, fece pressioni su dipartimento di Giustizia ed Fbi affinché indagassero su una serie di teorie complottiste riguardo a presunte frodi elettorali che avrebbero portato alla vittoria di Joe Biden. Lo rivela il New York Times, sulla base di mail consegnate al Congresso, precisando che tra queste teorie complottiste infondate, vi era quella circolata sui social media di estrema destra con l’hastag #Italygate.

Il New Times sull’Italygate

Questa teoria complottista sosteneva che dall’Italia si sarebbe usata tecnologia militare e satelliti per intervenire da remoto sulle macchine elettorali negli Stati Uniti per spostare i voti destinati a Trump a Joe Biden.

In cinque mail inviate tra la fine di dicembre ed i primi di gennaio, Meadows chiese con insistenza a Jeffrey A. Rosen, allora ministro della Giustizia ad interim dopo le dimissioni di William Barr in aperta protesta con Trump per la contestazione dei risultati elettorali, di avviare inchieste su Italygate ed altre teorie complottiste che in quelle settimane infiammavano i forum dell’estrema destra americana.

“Italygate”, la teoria complottista

Nessuna mail mostra che Rosen abbia accettato effettivamente di ordinare l’avvio di un’inchiesta. Anzi nella mail diretta ad un altro funzionario del dipartimento di Giustizia si specifica che Rosen si era rifiutato di organizzare un incontro tra l’Fbi e “un uomo che ha postato i video online promuovendo la teoria complottista dell’Italygate”, scrive il Times senza fornire dettagli sull’identità di questa persona.

La denuncia del New York Times

Dal New York Times arriva un’altra denuncia. Il dipartimento di Giustizia Usa è stato impegnato in una battaglia legale segreta per ottenere i dati delle email di quattro cronisti del New York Times, allo scopo di individuare le loro fonti. La denuncia giunge direttamente da uno degli avvocati del quotidiano Usa, David McCraw. L’iniziativa giudiziaria, riferisce il Nyt, è stata avviata nelle ultime settimane dell’Amministrazione Trump ed è proseguita anche con l’Amministrazione Biden.

Come riferisce attraverso le pagine del Nyt l’avvocato McCraw, mentre l’Amministrazione Trump non ha mai informato il quotidiano della sua iniziativa giudiziaria, l’Amministrazione Biden ha informato alcuni top manager del Times, imponendo però un ordine restrittivo, per impedire che la notizia venisse divulgata all’opinione pubblica. L’ordine restrittivo ha impedito ai manager del Nyt perfino di informare il direttore del quotidiano, Dean Baquet, e altri responsabili della redazione.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *