Rai, al Tg1 ancora immagini di Conte in posa. Ma la linea la detta sempre Casalino? (video)

giovedì 13 Maggio 13:26 - di Redazione

Michele Anzaldi, deputato di Italia Viva e segretario della commissione di Vigilanza, torna sulla questione delle immagini di Giuseppe Conte utilizzate dal Tg1 e annuncia relativa interrogazione.

Al Tg1 le immagini di Conte in posa nel suo studio

“Ieri al Tg1 delle 20 – dice Anzaldi – sono andate in onda immagini dell’ex presidente del Consiglio Conte ripreso in posa, nel suo studio privato. Sono immagini realizzate da operatori Rai oppure, come accadeva quando era a Palazzo Chigi, sono state realizzate e preconfezionate dal suo staff? In questo secondo caso, perché la Rai dovrebbe utilizzare immagini autoprodotte da un leader politico per coprire un servizio dell’informazione pubblica?”.

Anzaldi: la Rai è servizio pubblico o servizio privato del M5S?

“Non parliamo di immagini prese, ad esempio, da dichiarazioni – prosegue Anzaldi – rilasciate in una diretta sui social. Ma immagini realizzate appositamente per essere utilizzate a copertura dei servizi. La Rai non può usare per Conte, come succede per tutti gli altri leader politici, immagini proprie, realizzate in situazioni pubbliche? Perché Conte dovrebbe avere un trattamento di favore, addirittura scegliendosi le immagini che un tg deve trasmettere? E’ servizio pubblico o servizio privato di Conte e M5s? Presento un’interrogazione in Vigilanza”, annuncia in conclusione Anzaldi.

Il caso già sollevato lo scorso gennaio quando Conte era premier

Il caso era stato sollevato anche a gennaio, criticando il fatto che le immagini dell’allora premier Conte fossero girate a palazzo Chigi e quindi girate ai tg della Rai e di La7. Dietro c’era la sapiente regia di Rocco Casalino, molto attento alla semiotica delle immagini. “Una deriva da Cinegiornale Luce – accusò all’epoca Anzaldi – che dovrebbe preoccupare non soltanto i partiti, ma anche le istituzioni di vigilanza, i costituzionalisti, i sindacati, l’Ordine dei giornalisti. Un conto è dare il segnale video alle tv per eventi in diretta. Ma un altro conto è realizzare immagini ad hoc autoprodotte da Palazzo Chigi che mostrano fintamente Conte al lavoro, immagini poi trasmesse per mesi dai tg Rai a copertura di servizi costruiti sulla propaganda invece che sulle notizie. In confronto Euroscena di Berlusconi, sulla quale il centrosinistra di allora fece fuoco e fiamme, era poco o nulla”.

https://fb.watch/5sL21mRWeN/

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *