Lilli Gruber usa la Carfagna contro la destra: le piace Meloni premier? Risposta scontata (video)

giovedì 20 Maggio 20:05 - di Riccardo Angelini
Carfagna

Metti una sera Mara Carfagna con Lilli Gruber. In quel programma che è costruito su continui attacchi alla destra e che è Otto e mezzo. E si parla della successione di Berlusconi. Inevitabile la domanda della Gruber a Mara Carfagna: le piacerebbe Meloni premier?

La ministra per il Sud prova a tergiversare: il governo deve lavorare – dice – ora è prematuro. Lilli la incalza: sì, ma la Meloni ha detto che si sente pronta per Palazzo Chigi. Lei come la vede?

Carfagna la prende alla lontana: “La Meloni è oggettivamente molto brava, la sua ascesa è un dato di fatto, cresce nei sondaggi. La premia la sua bravura e la sua leadership ma anche il fatto che sia l’unico partito all’opposizione, e quindi non mi sorprende, è normale che raccolga consensi. Ma la storia ci insegna che non sempre chi guida un partito sarà poi il futuro capo della coalizione o addirittura del governo”.

Lilli Gruber non è ancora contenta e domanda: ma secondo lei sarebbe in grado? Carfagna si mostra perplessa: “Ne sarebbe in grado? Non lo so… Io devo ragionare su quello che è realizzabile e mi preoccupo di avere un leader che è in grado di mettere in campo tutte le anime, come faceva Berlusconi quando era capo della coalizione. E non vedo qualcuno in grado di farlo, anche la Meloni non è in grado di farlo”.

A quel punto Gruber le ricorda le regola secondo cui il capo del partito più premiato dagli elettori è anche il premier indicato dallo schieramento di centrodestra. Regola superata, sentenzia la Carfagna, “da quando Salvini ha tradito la coalizione facendo il governo con i 5 Stelle”. Chi si candida a capo della coalizione – aggiunge – “deve rinunciare agli egoismi di partito, non vedo quell’atteggiamento. Oggi abbiamo solo sindacalisti di partito, non capi di coalizione, bravi pero eh, bravi sindacalisti di partito”.

Non Meloni e nemmeno Salvini dunque. “Serve una destra liberale – tira le somme Beppe Severgnini – perché non si candida la Carfagna?”. E Lilli finalmente sorride soddisfatta.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )