Lula, annullate le condanne ma solo per un vizio procedurale. Non canti vittoria, non è stato assolto

venerdì 16 Aprile 11:06 - di Paolo Lami

La Corte Suprema del Brasile ha confermato la decisione di annullare le condanne inflitte all’ex-presidente Luiz Inacio Lula da Silva. Che potrebbe, ora, candidarsi alle elezioni del prossimo anno.

Ma l’ex-presidente brasiliano che beffò l’Italia proteggendo il terrorista rosso Cesare Battisti, oggi in carcere nel nostro Paese dopo una sfacciata latitanza durata anni grazie a Francia e Brasile, non può vantare vittoria: non è stato assolto.

Otto giudici hanno votato a favore della conferma della decisione espressa il mese scorso, secondo le notizie delle ultime ore di Tv Justicia. Tre, invece, hanno votato contro. Per i legali del 75enne Lula, la decisione restituisce “credibilità al nostro sistema giudiziario”.

Ma certo non restituisce credibilità a Lula né, tantomeno, alla sua figura di uomo politico.

Non si tratta comunque di un’assoluzione dal momento che le condanne sono state annullate per un vizio procedurale. E i giudici devono ancora decidere se i casi debbano passare a Brasilia o San Paolo.

Lula, al potere dal 2003 al 2011, era stato condannato nel 2018 a 12 anni e un mese di carcere per corruzione e riciclaggio di denaro. Ed era stato rilasciato nel 2019 dopo 580 giorni dietro le sbarre.

A marzo un giudice aveva stabilito che il Tribunale della città di Curitiba che lo aveva condannato, non aveva competenza per giudicare Lula, finito nel mirino della famosa inchiesta Lava Jato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )