«L’Ue ha avviato la causa contro Astrazeneca». Anzi, no: è giallo sull’azione legale per i vaccini

giovedì 22 Aprile 17:19 - di Federica Parbuoni
ue causa astrazeneca

È giallo sulla causa dell’Ue contro Astrazeneca, alla luce dei ritardi e dei tagli nelle consegne dei vaccini. A divulgare la notizia che la Commissione si appresterebbe a promuovere un’azione legale era stato in mattinata il sito Politico.eu, poi smentito da Bruxelles. Secondo un portavoce della Commissione, infatti, nessuna decisione sarebbe stata ancora presa. Il ministro della Sanità irlandese, Stephen Donnelly, però, poco dopo ha dato per fatta l’azione legale, mentre la stessa Astrazeneca a stretto giro ha fatto sapere di non avere notizie di procedimenti a suo carico. Insomma, il caos. E le ipotesi sono due: o il governo irlandese ha divulgato una notizia sbagliata oppure l’Ue ha effettivamente deciso, ma preferisce non scoprire ancora le proprie carte.

L’indiscrezione sulla causa Ue ad Astrazeneca

Secondo quanto riferito da Politico.eu, l’Ue si appresterebbe a fare causa ad Astrazeneca, con l’appoggio della maggioranza degli Stati membri. Nel contratto di acquisto anticipato è scritto che, in caso di controversie, si attiva una procedura di risoluzione amichevole, avviata con una lettera del 19 marzo, che prevede un incontro tra i dirigenti della Commissione e della compagnia. Se la procedura non si risolve con un accordo, allora è possibile ricorrere alla giustizia civile, che per competenza è quella belga.

L’Ue smentisce: «Non abbiamo deciso»

Durante un incontro con la stampa a Bruxelles, il portavoce della Commissione Ue per la Salute, Stefan de Keersmaecker, ha confermato che «l’incontro ha avuto luogo», coinvolgendo per la Commissione il direttore generale e per l’azienda il vice Ceo. Ma, ha aggiunto, l’Ue «non ha preso alcuna decisione» su una causa contro AstraZeneca. «Siamo focalizzati sull’assicurare le consegne di vaccini. E ogni decisione verrà presa insieme agli Stati membri. Guardiamo – ha concluso il portavoce – a tutte le opzioni per assicurare una puntuale consegna delle dosi».

Il governo irlandese: «Azione legale avviata»

Dopo queste dichiarazioni, però, sono arrivate quelle del ministro irlandese della Salute. «Per quanto riguarda AstraZeneca è stata avviata un’azione legale e nei giorni scorsi l’Irlanda si è aggiunta come una delle parti», ha detto Donnelly, parlando davanti al Parlamento di Dublino. «In particolare», ha aggiunto, l’azione legale sarebbe «rispetto al completo fallimento nel rispettare gli impegni contrattuali per le forniture di aprile, maggio e giugno».

Astrazeneca: «Non ne sappiamo niente»

Dal canto suo Astrazeneca ha puntato a minimizzare la vicenda. «Non siamo a conoscenza di alcun procedimento legale», ha fatto sapere l’azienda, precisando di continuare «a tenere discussioni regolari sulla fornitura con la Commissione e gli Stati membri».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *