Un mostro a Frosinone: entra dal balcone nella casa del vicino e violenta una bambina di 11 anni

venerdì 5 Marzo 14:10 - di Marta Lima

Aveva atteso che il vicino di casa uscisse, per entrare in azione, scavalcare il parapetto, entrare dal balcone e violentare la figlia del conoscente, di soli 11 anni. Una vicenda agghiacciante, che ha sconvolto la comunità di Frosinone.

Il Personale della Squadra Mobile della Questura di Frosinone ha dato esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Frosinone, a seguito della sentenza definitiva della Corte di Appello di Roma, nei confronti di un 48enne residente nel capoluogo, per il reato di violenza sessuale aggravata in danno di minore.

Lo stupratore di Frosinone era entrato in azione nel 2018

I fatti risalgono al gennaio 2018, quando l’uomo, approfittando della temporanea assenza dei genitori di una undicenne, abitante nel suo stesso palazzo, si introduceva nel loro appartamento, accedendo dal balcone, e abusava sessualmente della bambina. Le indagini presero avvio in seguito alla denuncia della madre, che aveva raccolto le confidenze della giovanissima figlia. Del caso si occuparono proprio gli investigatori della Squadra Mobile, che oggi hanno eseguito l’ordine di carcerazione.

L’arrestato, già sottoposto alla detenzione domiciliare con l’applicazione del braccialetto elettronico, dovrà espiare una pena residua di 4 anni e 27 giorni. Alla data della scarcerazione saranno inoltre applicate le misure interdittive della restrizione dei movimenti e della libera circolazione, nonché del divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati da minori o di svolgere lavori che prevedono contatti con minori.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica