Renzi pensa a un passo indietro e sta per perdere 5 parlamentari. Italia Viva ha il piombo nelle ali…

19 Mar 2021 9:18 - di Adele Sirocchi

Matteo Renzi pensa a un passo di lato. Non proprio un passo indietro, ma a una pausa. Affinché si spengano i riflettori. Mentre lui, il capo, tiene conferenze in giro per il mondo. E si capisca dove vuole andare il Pd a guida Letta. Se taglierà i ponti con il Movimento 5 Stelle oppure no. Le incognite sono tante.

Renzi, malumori interni a Italia Viva

Ne scrive oggi Il Foglio, dando conto dei malumori interni a Italia Viva, un partito che non decolla, che resta inchiodato al 2,5 per cento e dove tre senatori e due deputati sono dati in partenza verso il Nazareno.

Renzi deve cambiare strategia

Scrive Il Foglio: “Non bisogna essere scienziati della politica per registrare come Italia viva non riesca a decollare. (“Ha i’ piombo nelle ali”, gli ha detto in fiorentino anche un suo amico). Nonostante la manovra perfetta per arrivare al governo Draghi. L’ultima mossa del cavallo. E invece niente. “Sempre al 2,5 per cento siamo e in più tutti i tentativi di grande centro non vanno avanti: Calenda ci insulta dalla mattina alla sera”, dice un deputato renziano, consapevole di quanto sia permaloso il Capo e di quanto si segni sempre tutto. Quindi chiede -e ottiene-l’anonimato. Quello che quasi tutti pensano, ma nessuno ha il coraggio di dire fra le truppe di Iv è proprio questo: “Non è che Matteo ci porta dritti a sbattere contro un muro?”.

Chi sono i parlamentari che stanno per lasciare

Proprio l’arrivo di Letta ha scombussolato i piani di Renzi. I senatori Eugenio Comencini e Leonardo Grimani hanno detto ad Andrea Marcucci che rientreranno nel Pd. E sono dati in partenza il senatore Mauro Marino e i deputati Marco Di Maio e Camillo D’Alessandro. Una cosa è certa: la strategia fin qui tenuta, cioè di polemizzare col Pd che si faceva troppo assoggettare da Giuseppe Conte e dai grillini, va urgentemente aggiornata.

Renzi pensa al passo indietro

“Su questo punto – continua ancora Il Foglio – Renzi non dice parole definitive: si appresta a giocare l’ultima partita che gli interessa, quella per l’elezione del Capo dello Stato… Allo stesso tempo sa che la spinta propulsiva di Italia viva è pari a un rubinetto che sgocciola… Renzi è euforico per l’effetto Draghi sulla politica italiana (“Nel 2023 il M5s non ci sarà più”), ma è convinto che forse, questa volta, un passo indietro, una esposizione minore, può fargli solo che bene. Iv può aspettare”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA