La variante brasiliana più tosta della sudafricana: resiste a plasma e monoclonali. Meno ai vaccini

mercoledì 3 Marzo 18:03 - di Lara Rastellino
variante brasiliana e vaccini

La variante brasiliana del coronavirus Sars-CoV-2 fa paura, ma non è invincibile. Infatti, uno studio Usa rivela che «può rappresentare una minaccia per le terapie a base di anticorpi monoclonali» attualmente disponibili. Ma «meno per l’efficacia protettiva dei nostri vaccini». È la conclusione a cui approda un team di ricercatori statunitense che – in una ricerca disponibile in versione preprint sulla piattaforma Biorxiv, non ancora sottoposto a peer review – ha condotto una serie di test per valutare la sensibilità di questa variante alla principale arma su cui il mondo sta puntando per sconfiggere il virus: cioè i vaccini anti-Covid. Ma anche ai monoclonali e al plasma convalescente.

Variante brasiliana e vaccini, uno studio rivela una sua perdita di efficacia contenuta

Entrando nel dettaglio del report Usa, si apprende che la variante brasiliana P.1 è risultata refrattaria a più anticorpi monoclonali. 6,5 volte più resistente alla neutralizzazione da plasma convalescente e più resistente, ma non come ci si aspettava, ai sieri dei vaccinati. Gli autori – scienziati della Columbia University di New York e del Vaccine Research Center dei National Institutes of Health (Nih) di Bethesda – precisano che «l’entità della perdita di potere neutralizzante è stata modesta e non così sorprendente come è stato osservato per un’altra variante: quella sudafricana».

Le tappe dello studio su plasma, anticorpi monoclonali e vaccini Pfizer e Moderna

Gli esperti hanno creato uno pseudovirus Sars-CoV-2 con tutte e 10 le mutazioni della variante brasiliana. E hanno valutato la sua suscettibilità alla neutralizzazione di 18 anticorpi monoclonali. Di 20 campioni di plasma convalescente. E 22 sieri di vaccinati con vaccino anti-Covid Pfizer e Moderna. Tra i monoclonali messi sotto esame ci sono anche i 4 che hanno l’autorizzazione all’uso di emergenza negli States, cioè bamlanivimab, etesevimab, imdevimab e casirivimab (quest’ultimo è l’unico di quelli con Eua che mantiene la sua attività). Fra gli altri monoclonali esaminati, alcuni hanno mantenuto l’attività.

La variante brasiliana è risultata più resistente di quella sudafricana

I sieri dei vaccinati usati per i test erano 12 di persone immunizzate con Moderna e 10 con Pfizer. L’entità del calo di attività neutralizzante è stata limitata: 2,8 volte per Moderna, 2,2 per Pfizer. «Pertanto, la minaccia di un maggior rischio di reinfezione o di una riduzione della protezione vaccinale» per la variante brasiliana «potrebbe non essere della stessa misura di quella osservata con la variante sudafricana», concludono gli autori della ricerca americana.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica