In arrivo la norma per i medici no vax. Draghi: vaccini acqua di fogna? Non l’ha detto uno scienziato…

venerdì 26 Marzo 16:39 - di Redazione
medici no vax

Medici no vax, il governo pensa a una norma ad hoc per l’obbligo vaccinale. Sugli operatori sanitari non vaccinati “il governo intende intervenire”. Lo annuncia Mario Draghi in conferenza stampa assieme al ministro della Salute Roberto Speranza. “Non va assolutamente bene – ha detto Draghi – che siano a contatto con malati. La ministra Cartabia sta preparando un provvedimento su questo, come è tutto ancora da vedere”.

Il pensiero corre ai due cluster collegati a personale sanitario non vaccinato che si sono verificati al San Martino di Genova e al reparto di Medicina dell’ospedale di Lavagna dove otto pazienti sono risultati positivi. Positivo anche un infermiere no vax. Per quanto riguarda il caso Genova la Procura indaga per omicidio colposo dopo la morte di un uomo nel reparto di pneumologia dell’ospedale San Martino dove si è sviluppato un cluster che ha visto tra i positivi un’infermiera non vaccinata.

Il tema dei sanitari e dei medici no vax che rifiutano il vaccino ma rimangono a contatto con i malati è dunque quanto mai urgente. Sul punto il ministro Speranza ha detto che una norma per valutare l’obbigo di vaccinazione anti-Covid per i sanitari è “al vaglio. Però bisogna anche riconoscere che l’adesione del personale sanitario è stata straordinariamente rilevante. Noi interverremo su una quota che è molto residuale, e credo che questo vada riconosciuto”.

“Tutti gli operatori sanitari hanno svolto un lavoro straordinario e hanno dato anche un esempio positivo – ha sottolineato il ministro – C’è un pezzetto, molto minimale, che ora stiamo provando anche a formalizzare sul piano quantitativo, e su questo stiamo valutando l’intervento con una norma”.

Che il numero dei medici e sanitari no vax sia molto esiguo lo confermano i dati finora noti. Ha rifiutato il vaccino solo  l’1-2% dei medici ospedalieri, ovvero tra i 1.140 e i 2.280 su un totale di 114.000 attivi. E un centinaio di infermieri su un totale di 254mila. La stima è stata effettuata dal maggiore sindacato dei medici ospedalieri, l’Anaao-Assomed e dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi).

Draghi ha risposto anche a una domanda sul libro del medico no vax Pasquale Bacco, che riconduce la pandemia a un complotto, e che ha avuto la prefazione del pm Nicola Gratteri. “Se lo avesse scritto uno scienziato magari lo avrei letto…”, è stata la battuta di Draghi. Bacco aveva tra l’altro detto che i vaccini “sono acqua di fogna”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *