Covid, “Der Spiegel” demolisce il “modello Italia”. «Errori e insabbiamenti. Conte rischia il processo»

lunedì 22 Marzo 13:05 - di Alessandra Danieli

A un anno dalla pandemia emergono gli errori gravi e le ‘negligenze’ del governo italiano. Der Spiegel accende i riflettori sulle zone d’ombra nella gestione dell’emergenza sanitaria. E dedica un lungo report al ‘modello Italia’. E passa in rassegna omissioni, incidenti e passi falsi del governo Conte. “Prima è arrivato il virus, poi l’insabbiamento”, titola il giornale di Amburgo.

Pandemia, ‘Der Spiegel’ denuncia ritardi e insabbiamenti dell’Italia

E ripercorre  la storia di alcune tra le famiglie italiane che hanno perso i propri cari. Le cinquecento famiglie del bergamasco  riunite nel comitato ‘Noi denunceremo’. Dalle omissioni iniziali alle risposte tardive con piani obsoleti e carenti. Il settimanale tedesco  punta il dito contro la gestione fallimentare della prima fase della pandemia nel nostro paese. Quando la parola d’ordine era ‘andrà tutto bene’. E il governo nascondeva la verità.

Il magazine tedesco dà voce ai familiari delle vittime del covid. “Chiedono chiarimenti. In effetti, i documenti dimostrano che all’inizio della pandemia sono stati commessi e nascosti errori”. Si legge nell’inchiesta che denuncia “una reazione tardiva e sbagliata. E una lunga serie di errori nascosti.

Il Paese è stato sopraffatto dagli errori del governo

“Le accuse sono gravi. L’Italia ha reagito troppo tardi e in modo sbagliato alla pandemia. Il paese è stato sopraffatto. In parte perché i piani di emergenza erano obsoleti e carenti. Gli errori sono stati nascosti. Per questo la gente è dovuta morire? Genitori, nonni, coniugi?”. Si interroga il settimanale. Precisando che “l’allora presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il suo ministro della Salute sono già stati ascoltati. Mentre da mesi vengono alla luce nuove omissioni. Non si tratta più solo di tragici casi individuali. Ma di un fallimento fondamentale e di insabbiamento”.

Alcune procure italiane, a cominciare da quella di Bergamo, stanno indagando sull’operato del governo. Nel mirino gli errori iniziali. Tra cui la mancata istituzione della zona rossa di Alzano e Nembro nel bergamasco. I parenti delle vittime accusano l’ex premier e il ministro di negligenza criminale nella gestione della pandemia. I magistrati decideranno a breve se e contro chi sporgere denuncia. “Potrebbe essere un processo del secolo“, conclude Der Spiegel.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )