“Viaggi, cinema e ristoranti vietati a chi non fa il vaccino”. La proposta di Ippolito (Spallanzani)

giovedì 4 Febbraio 10:04 - di Luisa Perri
vaccino viaggi

“Il problema ora è la mancanza del vaccino. Fra gli over 80 nel Lazio si sono registrate 100mila prenotazioni solo il primo giorno. Ho fiducia che gli italiani abbiano capito l’importanza del vaccino. L’adesione al distanziamento, che da noi è elevata, dimostra che se le cose sono spiegate chiaramente, vengono capite. Un’indagine dell’Ipsos con il World economic forum alla fine del 2020 dava da noi un terzo di esitanti, dato simile a Germania e Spagna”. Lo dice in un’intervista a Repubblica Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani di Roma.

L’intervista del direttore scientifico dello Spallanzani

“Spiegando che fra gli scettici “ci sono 5 tipi di persone: chi pensa di non essere a rischio di ammalarsi; chi non capisce o non vuole capire l’importanza della vaccinazione come atto civico- Quelli che hanno dubbi sulla sua efficacia. Chi ha paura degli effetti collaterali. Coloro che pensano sia stato sviluppato troppo alla svelta”.

Riguardo alla campagna per contrastare l’esitazione, “questo non è il mio campo – afferma Ippolito – Posso dire che in Africa si coinvolgono soprattutto i leader religiosi. Anche negli Usa il pastore che nel sermone ti invita a vaccinarti, e magari ospita la vaccinazione nei locali della chiesa, può convincere più persone di una costosa campagna sui media. Si potrebbero coinvolgere anche gli influencer sui social media”.

“Immunità di gregge? Non ci arriveremo mai”

“Molte attività dovranno essere precluse a chi non è vaccinato – aggiunge – ristorante, cinema, stadio, aereo. Le misure potranno essere adottate quando il vaccino sarà disponibile per tutti, altrimenti sarebbero un fattore discriminante. Un bel vaccino prima delle ferie ci permetterebbe di fare le vacanze con meno pensieri, e magari anche un bel viaggio all’estero. Serviranno tanti vaccini, e diversi. Non è detto che basterà vaccinarsi una volta e saremo a posto per sempre. Uno degli scenari più verosimili è che il virus diventi endemico e tutti noi con vaccini e infezioni naturali acquisiremo livelli crescenti di immunità sino a limitare le forme gravi. La malattia diventerebbe una sorta di influenza”.

“ll vaccino migliore? Siamo nel Paese di Coppi e Bartali”

Potremo scegliere il vaccino? “Nel Paese di Coppi e Bartali – risponde Ippolito – non potevano mancare le dispute sul vaccino migliore. Battute a parte, quando un vaccino viene approvato da Ema e Aifa può essere usato in tutta fiducia perché è stato esaminato nei minimi dettagli. Le percentuali di efficacia (questo vaccino il 95%, quello il 59%) si riferiscono alla capacità di prevenire le forme con sintomi. Se parliamo della capacità di evitare le forme gravi, l’efficacia di tutti i vaccini approvati, e di altri di cui conosciamo i dati come Johnson&Johnson o Sputnik, è per tutti il 100%. Può darsi che dopo il vaccino mi prenderò l’infezione, ma di sicuro non finirò in ospedale o in terapia intensiva”.

“Se per immunità di gregge – conclude – intendiamo bloccare totalmente il virus, ho seri dubbi che riusciremo mai a raggiungerla. Dovremmo vaccinare 7 miliardi di persone in pochi mesi e finora è stato eradicato solo il vaiolo. Vaccinarsi serve per tornare alla normalità, per fare in modo che la malattia non riempia gli ospedali di gente che soffoca e per ridurla ad un malanno di stagione, come gli altri quattro coronavirus umani che provocano raffreddori”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica