Si danno appuntamento e si affrontano con mazze, bastoni e catene: paura a Reggio Calabria

domenica 7 Febbraio 10:44 - di Edoardo Valci
Reggio Calabria

Si sono dati appuntamento a Campo Calabro, a pochi chilometri da Reggio Calabria, per darsele di santa ragione. E ha preso il via una vergognosa maxirissa. L’ha reso noto una nota dell’ufficio del sindaco pubblicata su fb. «Piazza Martiri di Nassiriya e le vie circostanti sono state testimoni e teatro di un inqualificabile atto di violenza collettiva». Da un primo rapporto della Polizia Locale, circa 40 fra ragazzi e ragazze, molti dei quali minorenni hanno dato vita a uno scontro collettivo in piena regola armati di mazze, bastoni, catene, protetti persino da caschi. Molti sono arrivati a bordo di scooter e microcar parcheggiati nelle immediate adiacenze della piazza e nelle vie attigue, provenienti dai centri vicini. E fra questi alcuni residenti a Campo Calabro.

Reggio Calabria, cruciali i video

Spezzoni della rissa sono stati ripresi dalle telecamere del sistema di videosorveglianza del Comune e acquisiti dalle forze dell’ordine. Questo, per procedere alla ricostruzione dei fatti e alla individuazione dei soggetti identificabili.  «Si tratta di un episodio che ha colto di sorpresa e stupito l’intera comunità campese», si legge nella nota. «Una comunità pacifica, operosa e solidale nella quale mai a memoria recente si sono verificati episodi del genere ed in particolare poi che vedono protagonisti i giovani».

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica