Salvini non è più il ducetto che flirtava con CasaPound. Travaglio: sono angustiato

martedì 9 Febbraio 10:58 - di Adele Sirocchi
Travaglio Il Fatto Salvini

Al Fatto non sanno più che inventarsi: l’apertura a Draghi di Matteo Salvini ha talmente spiazzato l’area che fa capo a sinistra e 5Stelle che i mal di pancia si stanno tramutando in astiosi distinguo. Come quella di Laura Boldrini, che evoca una permanenza nel governo Draghi, ma senza vincolo di maggioranza.

Travaglio e Padellaro, scambio di lettere su Salvini

Nel giornale di Marco Travaglio sono invece arrivati al punto di scriversi lettere tra di loro. Padellaro scrive a Travaglio: Marco, aiutami a capire. E Marco risponde con la penna intinta nel veleno. Un botta e risposta che occupa oggi un’intera pagina del quotidiano e il cui succo è presto detto: con Salvini non si può…

Padellaro: Marco, aiutami a trovare un senso…

Parte Padellaro: “Marco,  nel chiederti di aiutarmi a trovare un senso a ciò che forse un senso non ce l’ha, vengo al punto che riguarda l’ingresso nella nuova supermaggioranza di Matteo Salvini… l’irruzione dell’uomo del Papeete – continua – pone un’altra questione non piccola a tutti coloro che, soprattutto a sinistra, fino all’altro giorno consideravano colui che oggi si presenta tra i costruttori responsabili un pericolo per la democrazia, se non oggettivamente un fascista”.

Per il Pd non esiste più il pericolo fascista?

E Padellaro ricorda “i rapporti elettorali con CasaPound” e anche il “giustificazionismo nei confronti di Luca Traini” (di cui c’è traccia solo nella mente di quelli del Fatto). Quindi il pericolo fascista non c’è più? Si domanda Padellaro e incalza il Pd: e loro non hanno nulla da dire?

Travaglio: le tue angustie sono anche le mie…

Risponde Travaglio: “Caro Antonio, le tue angustie sono anche le mie. Ricordo quando, quasi tre anni orsono, osammo scrivere che il governo giallo-verde era un gentile omaggio dell’Innominabile (lo chiamavamo ancora Renzi, 24 denunce fa), mentre maestrine e maestrini dalla penna rossa ci spiegavano che invece il loro beniamino non c’entrava: il vero problema era che anche i 5Stelle erano “di destra”, e pure un po’ fasci (come noi del “Fatto”, del resto). Poi, insieme a colossali mostruosità come alcune parti dei decreti Sicurezza, proprio grazie ai 5Stelle quel governo fece per i bisognosi cose che la sinistra non aveva mai fatto in trent’ anni. Ma nessuno lo riconobbe. Ora, dai compagnucci che si accingono a digerire il governo con Salvini folgorato sulla via di Bruxelles, attendersi una parola di scuse sarebbe eccessivo. Mi accontenterei che si vergognassero almeno un po’ “.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *