Paura nel Milanese, pusher marocchino irregolare fugge al controllo, sperona l’auto degli agenti e…

sabato 27 Febbraio 15:57 - di Martino Della Costa
pusher marocchino fugge al controllo

Paura nel Milanese, dove un pusher marocchino fugge al controllo. Sperona l’auto degli agenti e prosegue a piedi la sua folle corsa. Ma non solo… Per tutto il carico penale pendente che aveva a suo carico avrebbe fatto meglio a non dare nell’occhio. E invece, un pusher marocchino in fuga, arrestato in flagranza per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Resistenza a pubblico ufficiale. Già pregiudicato e, come se non bastasse, risultato in Italia senza fissa dimora e privo di documenti di riconoscimento, deciso a evitare i controlli delle forze dell’ordine, si è imbarcato in una fuga rocambolesca a bordo di una Fiata Bravo. Mezzo risultato di proprietà di un prestanome. Con l’assicurazione scaduta e, neanche a dirlo, che lui guidava senza patente per trasportare sostanze stupefacenti. Un bilancino. Oltre a qualche centinaia di euro, frutto dello smercio di droga. Non solo: tanto per non farsi mancare niente, nella fuga matta e disperata, intrapresa nel tentativo di sottrarsi a fermo e controllo, l’immigrato nordafricano ha anche speronato l’auto della polizia locale di Mediglia, danneggiandone una fiancata… Insomma, il pusher marocchino 35enne non si è proprio fatto mancare niente. Compreso il reato di resistenza a pubblico ufficiale, cumulato a seguito del lungo elenco di contestazioni giuridiche che gli sono state rivolte. E di cui ora lo straniero dovrà rispondere. Ma vediamo, dal principio, avvio, svolgimento ed epilogo dell’avventurosa operazione delle forze dell’ordine all’inseguimento del pusher marocchino incontenibilmente in fuga…

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi