“Famiglia Cristiana” solidarizza con la Meloni: “Cara Giorgia, avanti con coraggio”

martedì 23 Febbraio 19:57 - di Adriana De Conto
"Famiglia cristiana" Meloni

Arrivano da “Famiglia cristiana” parole importanti  per esprimere  solidarietà piena alla presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in merito agli insulti del professor Gozzini. E’ Suor Anna Monia Alfieri a scrivere direttamente una lettera aperta alla leader di FdI. E’ irrituale che la rivista dei Paolini entri nel vivo di polemiche politiche così aspre. Stavolta evidentemente si sono toccati estremi che non potevano rimanere inesplorati. “Cara onorevole Meloni“, inizia suor Anna Monia una lettera piena di dolcezza e di sapienza al tempo stesso. “Ha ricevuto solidarietà da tutto il mondo politico, istituzionale, dai cittadini. Da tutti noi che desideriamo che l’ultima parola sia data alla ragione, al garbo, alla gentilezza, all’eleganza”.

Il discorso entra nel terreno  pedagogico. La suora che è un’educatrice avverte la responsabilità delle parole, il loro peso nel rapporto con i ragazzi. E’ la differenza che passa tra un educatore e un cattivo maestro. ” Lei è una persona che vive il suo impegno politico e istituzionale con grinta, determinazione. Le sue idee possono essere condivisibili o non (come quelle di tutti in realtà),. D‘altronde ciascuno di noi ha il suo pensiero e nel gioco della democrazia c’è lo spazio e il luogo per i confronti anche densi ma sempre nel rispetto delle persone”.

“Famiglia Cristiana”, parla Suor Monia

Primo insegnamento da trarre: “Suggerisco ai ragazzi, verso i quali avverto una profonda responsabilità di fermare il giudizio a priori e di sforzarsi di leggere oltre”. “Incontrerete sempre una persona e sarà naturale averne cura… la persona è sacra sempre”, scrive. I social media, è lo sviluppo del suo ragionamento, trasformano spesso “la persona in personaggio: la consideriamo come un “birillo” inanimato, che buttiamo giù e lo rialziamo. Le persone per fortuna sono animate da cuore, testa, emozioni e non sono neutre ai colpi. Se lo sdegno suscita solidarietà, la ragione impone però una analisi lucida dei problemi per attuare le corrette soluzioni”.

Il valore della persona e delle parole

Suor Anna Monia prosegue il suo ragionamento. “Quanto a Lei accaduto, onorevole Giorgia Meloni, credo sia un fenomeno comunicativo che ha bisogno di attenzione. Prima del Covid avevamo denunciato quel fenomeno del “cyberbullismo” che interessava i nostri ragazzi. I ragazzi sui social dicono cose terribili anche perché non hanno la sensazione di essere in una piazza, con milioni di interlocutori. Quindi si perde la dimensione interpersonale, l’altro è come se non ci fosse.  Ecco oggi nell’era della comunicazione virtuale, delle dirette social, dei webimar, si entra in un processo ove si smarriscono due dimensioni importanti:
1) che la relazione resta, c’è e dobbiamo esserne sempre consapevoli. De visu, certe cose non le diremmo mai. Il non percepire l’altro inibisce i nostri freni.
2) che si parla con una cassa di risonanza enorme… ci vedono milioni di cittadini, giovani, quindi le nostre parole hanno un peso ben superiore”.

“Famiglia Cristiana”: “Cara Giorgia Meloni, avanti con coraggio”

Così prosegue la lettera  su “Famiglia Cristiana”: “Io stessa, facendo una serie di dirette mi accorgo che ad un certo punto perdo la percezione di essere ascoltata. Una riflessione che condivido per fare un passo in avanti,. D’altronde se le tragedie, gli errori, incontrano il nostro talento divengono opportunità e non le sprechiamo”. Conclude così: “Credo che l’onorevole Giorgia Meloni, mamma ancor prima che donna impegnata in politica, condivida. Andiamo avanti con coraggio, imparando dagli errori nostri e degli altri Un mondo più giusto allora è possibile”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *