Agguato in Congo, Meloni: “Siamo sconvolti e addolorati. Il governo riferisca il prima possibile”

lunedì 22 Febbraio 17:59 - di Adriana De Conto
Congo Meloni

“Riposa in pace, Vittorio”. E’ addolorata Giorgia Meloni che dà sfogo alla sua tristezza: “Vittorio Iacovacci , il carabiniere rimasto ucciso in Congo aveva 30 anni, una vita davanti. Morto mentre tentava di proteggere l’ambasciatore, anche lui drammaticamente ucciso. Riposa in pace Vittorio, grazie per avere combattuto con coraggio fino alla fine.
“Siamo sconvolti e addolorati – aveva detto la leader di FdI non appena si è diffusa la notizia della tragedia- Seguiamo con apprensione gli sviluppi e chiediamo al Governo di riferire il prima possibile in Parlamento”.

Il Vescovo di Latina ha telefonato alla famiglia

Morire a 30 anni è un’infamia. Il vescovo di  Latina, mons. Mariano Crociata, ha chiamato la famiglia di Vittorio Iacovacci, il giovane carabiniere morto nell’agguato, per difendere l’ambasciatore. “La famiglia è distrutta, sono straziati per la perdita del figlio. Ora – ha spiegato in un colloquio con l’Adnkronos  – attendono di sapere come sono andati i fatti e quando potere accogliere le spoglie del figlio. C’è da sperare che le cose non siano troppo difficili e che quindi possano essere date anche queste consolazioni elementari alla famiglia in breve tempo”.

“I familiari non hanno la forza di parlare”

Il presule, al telefono con i famigliari del carabiniere ucciso, ha espresso vicinanza e preghiera: “La speranza cristiana ci sostiene nel superare la prova da attraversare con tutta la lacerazione che porta con se’”. Poche parole al telefono, lacrime in gola, grande  è lo strazio. Difficile parlare: “La famiglia è distrutta. Il padre anche febbricitante, la madre quasi non ha la forza di parlare. Un fratello di Vittorio – spiega il vescovo- è impegnato in un lavoro di pubblica sicurezza. Nel borgo di Sonnino tutti si sono stretti attorno alla famiglia straziata. Il parroco oggi dirà messa per Vittorio”.

Latina sotto choc

Tutta la città è in lutto e sotto choc. Riflette il vescovo di Latina: “E’ un fatto che sconvolge e che porta alla ribalta drammi e situazioni più grandi di noi. Con giovani che si dedicano volentieri a servizi così delicati, nonostante la consapevolezza del rischio:  come la protezione di personale diplomatico in zone così a rischio.  Contribuiscono alla vita collettiva in un cammino di pace. E poi tutto viene interrotto in una maniera traumatica. La prima cosa che viene da dire è che noi sentiamo come credenti la prossimità, la preghiera per dare un senso di serenità e speranza per chi vede nella fede un futuro più grande. Anche di fronte ad una fine così precoce e tragica”.

Mons. Crociata: “Ci sono responsabilità”

Oltre al dolore, osserva mons. Mariano Crociata, ci deve essere poi una riflessione di più ampio respiro: “quando oltre al dramma di una famiglia, di una comunità che si stringe attorno a chi ha subito una perdita, prendiamo coscienza bruscamente di situazioni drammatiche nel mondo. Ci sono responsabilità: mentre l’Onu e paesi come l’Italia cercano di essere presenti per pacificare; ci sono potenze economiche e politiche che direttamente o indirettamente alimentano divisioni, lacerazioni, terrorismo. Guerre che non finiscono mai e che vanno a scapito di innocenti che cercando di dare il loro contributo di pace. Urge una coscienza più avvertita, una presa di coscienza”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *