Ue, la proroga degli aiuti di Stato senza correttivi ci danneggerà: l’allarme di Fitto e Fidanza

giovedì 28 Gennaio 20:39 - di Redazione
Ue, Fitto Fidanza

La vicepresidente esecutiva della commissione europea, Margrethe Vestager, responsabile della politica di concorrenza, ha dichiarato poche ore fa: “Poiché la pandemia di COVID-19 si protrae più a lungo di quanto speravamo, dobbiamo continuare a far sì che gli Stati membri possano fornire alle imprese il sostegno necessario per assisterle a superare l’emergenza”. Una buona notizia? Non per l’Italia, fanno notare il capo delegazione di Fdi-Ecr Carlo Fidanza e il co-presidente del gruppo europeo Ecr-Fdi Raffaele Fitto.

“Aiuti senza correttivi sono un rischio per l’Italia”

“La decisione della commissione Europea di prorogare la flessibilità degli aiuti di Stato al 31 dicembre va certamente nella direzione di sostenere le imprese. Ma quello che si è verificato finora è sotto gli occhi di tutti. In ragione della diversa capacità fiscale, la Germania si è vista autorizzare una quantità di aiuti di Stato superiore a quelli autorizzati all’Italia”.

Un guaio per le nostre imprese

La nota di FdI nell’ambito del gruppo dei Conservatori europei prosegue: “Questo dimostra che la proroga del quadro temporaneo senza adeguati correttivi rischia di generare un ulteriore gap di competitività tra le nostre imprese e quelle estere. In particolar modo tedesche, con un ulteriore rischio di shopping industriale ai danni del nostro tessuto produttivo. Già fortemente provato dalla crisi e dalle inadeguate misure di sostegno del governo Conte. Ben vengano le misure di flessibilità  ma bisogna evitare a tutti i costi che questo amplii il divario tra le economie europee”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *