Saluti romani al consiglio comunale di Cogoleto. Un’idiozia da condannare senza se e senza ma

giovedì 28 Gennaio 15:40 - di Riccardo Angelini
saluti romani

Saluti romani in un’aula istituzionale nel Giorno della Memoria. Durante il consiglio comunale del 27 gennaio a Cogoleto (Genova) per tre volte durante le votazioni tre consiglieri del centrodestra hanno espresso il loro voto contrario alzando il braccio e simulando il saluto romano. Si tratta dei consiglieri Francesco Biamonti, Valeria Amedei e Mauro Siri. Un altro consigliere avrebbe sentito che da uno dei tre sarebbe partito l’invito: facciamo il saluto romano. Frase categoricamente smentita dagli interessati. I quali respingono quella che definiscono una “strumentalizzazione”. Uno di loro, Mauro Siri, starebbe anche pensando di ricorrere a querele contro chi lo accusa di essere fascista. Un altro, Francesco Niamonti, afferma che quello è il suo modo di votare e non ci sarebbe nulla di fascista.

Saluti romani nel Giorno della memoria: un gesto idiota da condannare

Ma il video della seduta parla chiaro. E si tratta di un episodio che ricorda l’esibizionismo da curva, che stride con la Giornata della Memoria che ci riguarda tutti e che merita rispetto. Un gesto che ha a che fare più con l’idiozia che con la politica. Non si può poi, quando ricorre la celebrazione della memoria delle foibe, condannare gesti simili che provengono da frange estremiste di sinistra se non si rispettano le vittime innocenti della Shoah. 

Il Msi e la pacificazione nazionale

Sarà il caso di ricordare che uno dei punti fondamentali del programma del Movimento sociale italiano, dove c’erano personaggi che avevano fatto la Rsi e non imitatori folkloristici dei rituali del Ventennio, era la pacificazione nazionale. Per lasciarsi alle spalle l’odio e le violenze della guerra civile e per rendere omaggio a tutti i morti, dell’una e dell’altra parte.

La condanna di Bruzzone e Toti

Il sindaco di Cogoleto Paolo Bruzzone ha condannato su Facebook l’episodio: “Mi preme condannare con forza tale gesto appartenente alla simbologia fascista, che evoca valori politici di intolleranza, odio e discriminazione razziale”. Stessa condanna nelle parole di Giovanni Toti, presidente della Liguria: “Quello che è accaduto a Cogoleto non è tollerabile e va condannato, senza se e senza ma. I consiglieri che durante il Consiglio comunale hanno fatto il saluto romano oltre a commettere un reato, hanno offeso nel giorno della Memoria tutte le vittime della follia criminale nazifascista”.

qui è possibile vedere il video 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *