Lettera di minacce a Toti: «Ristoranti e bar aperti o… conosce le bombe»? La replica del governatore

sabato 2 Gennaio 19:55 - di Bianca Conte
lettera di minacce a Toti

Il clima è rovente e la crisi che ristagna infiamma la situazione. Ma scagliarsi contro un governatore non aiuta certo a risolvere le cose. E invece, qualcuno ha pensato bene di mandare una lettera di minacce a Toti. Nella missiva, indirizzata al governatore della Liguria. Arrivata via posta in regione, e acquisita dalla Digos di Genova, si legge: «Le consiglio vivamente di tenere aperti i bar e i ristoranti, per Natale, diversamente faremo disastri. Conosce le bombe? … Ok». Un odioso ricatto che emerge a chiare lettere dai toni e dalle parole della lettera di minacce arrivata al governatore ligure.

Lettera di minacce a Toti: la risposta del governatore

Il quale, a stretto giro, e dopo aver raccolto la solidarietà bipartisan di politici e colleghi, su Facebook ha commentato: «Capiamo l’esasperazione di chi non può lavorare, sfamare la propria famiglia, con risarcimenti spesso tardivi e irrisori. Ma sono inaccettabili i messaggi di minacce che parlano di bombe e fanno sprofondare il nostro Paese in un clima d’odio. Ci siamo sempre battuti per misure equilibrate a difesa delle nostre imprese», ha quindi aggiunto Toti. Prima di concludere: «Continueremo a farlo, ma non certo perché spinti da minacce e insulti. Grazie a tutti per la solidarietà bipartisan ricevuta in queste ore, non ci fermiamo!».

Cambiamo: «Clima di tensione sociale… il governo si dia una mossa»

Non solo. A proposito di solidarietà, tra i primi a esprimere vicinanza al governatore della Liguria c’è stato l’esecutivo di Cambiamo che, in una nota, fa sapere: «Esprimiamo solidarietà al presidente Toti per le minacce inaccettabili di cui è stato destinatario. Il clima di tensione sociale che si sta instaurando a causa della situazione economica rischia di diventare insostenibile. È necessaria un’azione più concreta e tempestiva di sostegno del tessuto imprenditoriale». E infine: «Gli italiani – prosegue il comunicato – stanno dimostrando grande responsabilità. Ma non possono pagare il costo di questa emergenza. La maggioranza e il governo si diano una mossa. Non bastano sussidi, serve un progetto concreto di rilancio ed una contestuale campagna vaccinale capillare per fare ripartire le attività e l’economia».

Bernini-Gelmini, solidarietà a Toti per le inaccettabili minacce

Infine, parole di sostegno di incoraggiamento arrivano a Toti anche dagli ex colleghi di Forza Italia. «Le minacce al governatore Toti sono gravissime e inaccettabili – ha dichiarato la capogruppo di FI al Senato, Anna Maria Bernini –. Il clima di esasperazione in cui sono costrette a vivere intere categorie produttive non può, né deve degenerare in un clima di odio contro i rappresentanti delle istituzioni. I quali, come Toti, stanno facendo il possibile per limitare le conseguenze di una crisi drammatica. Al governatore ligure giunga la mia piena solidarietà». La stessa espressa a chiare lettere anche dalla capogruppo di FI alla Camera, Mariastella Gelmini. La quale, commentando aspramente la lettera delle minacce a Toti, ha ribadito: «L’esasperazione non giustifica in nessun modo il ricorso alla violenza. Tantomeno alle bombe, che evocano altre stagioni tragiche. La Regione Liguria, e tutto il centrodestra, continueranno a sostenere le categorie più colpite dalla pandemia».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica