La beneficenza dell’Atitech di Lettieri nei quartieri disagiati di Napoli a Natale e all’Epifania

lunedì 11 Gennaio 16:49 - di Redazione
Distribuiti 1500 pasti caldi in 16 giorni nei quartieri napoletani di San Pietro a Patierno, Secondigliano e Rione Sanità. Questo il bilancio del “Natale solidaleAtitech, l’azienda leader in Europa nella manutenzione di aeromobili presieduta da Gianni Lettieri, già candidato a sinbdaco di Napoli per il centrodestra. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con i volontari dell’associazione Larsec di Vincenzo Strino e con il supporto dei cuochi della catena dei Fratelli La Bufala, volge al termine con la conclusione del periodo natalizio.

L’iniziativa di Lettieri e dell’Atitech

“Sono tanti gli episodi che ci hanno colpito e che rimarranno indelebilmente impressi nei nostri cuori – dichiara Vincenzo Strino, presidente dell’associazione Larsec-. Abbiamo seguito personalmente le varie fasi dell’iniziativa, giorno per giorno, insieme al presidente Lettieri che è stato al nostro fianco, in prima linea, e che ha fortemente voluto che si realizzassero sia questa distribuzione sia quella delle calze dell’Epifania. Le associazioni di volontariato che fanno beneficenza auspicano che tanti imprenditori facciano come Lettieri e che sentano come un obbligo morale quello di dare una mano a chi ne ha bisogno, soprattutto in questo momento di pandemia”. Il responsabile dell’associazione cita anche due esempi.

I volontari in campo a Natale e all’Epifania

 “Il primo è avvenuto il giorno della vigilia di Natale, quando i volontari hanno portato i pranzi nel rione dei Fiori ed hanno trovato le persone in attesa trepidante. Appena li hanno visti sono andati loro incontro e hanno voluto aiutare a sistemare tutto nell’androne di un palazzo, dove poi hanno voluto distribuire loro stessi i pasti alle altre famiglie”.

Un altro episodio è capitato invece nel giorno dell’Epifania. “Ha come protagonista una mamma – racconta Strino -, la quale ha voluto portare i propri figli al Larsec perché i bambini tenevano a ringraziare personalmente per le calze ricevute. Il primo episodio è stato emozionante anche perché noi volontari ci siamo resi ancor di più conto di quello che stavamo facendo e del gesto che abbiamo compiuto in questi giorni”. Secondo il responsabile di Larsec Strino “il presidente Lettieri ha confermato che, anche considerando i risultati, lui è ancora più motivato a non fermarsi qui.  Vorrebbe riaprire la mensa dell’azienda per utilizzarla a vantaggio delle famiglie della zona, realizzando ciò che da tempo era un suo desiderio. Conoscendolo, avendo collaborato anche in passato per iniziative di beneficenza, sappiamo che non si risparmierà e che, insieme ai suoi collaboratori, farà in modo che nei prossimi mesi la mensa e i pasti per le famiglie bisognose possano diventare una realtà permanente. Sarebbe molto bello per le famiglie che non credevano ai loro occhi per tanta generosità”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )