Fiducia a Conte, ma i numeri (156 sì) sono da dimissioni. ll governo deve andare a casa

martedì 19 Gennaio 22:33 - di Antonio Marras

Alla fine il premier Conte ha incassato la fiducia anche al Senato, ma con la maggioranza relativa e con numeri risicatissimi. I sì si sono fermati a 156 sì (compresi i senatori a vita), contro i 140 contrari, 16 astenuti, votanti 312: un bottino inferiore a quanto la maggioranza, dopo lo strappo di Renzi e il “mercato delle vacche” aperto a Palazzo Madama, sperava di incassare. Italia Viva si è astenuta, il centrodestra ha votato contro, anche se da Forza Italia ci sono state delle defezioni, con Andrea Causin e Maria Rosaria Rossi che hanno votato con la maggioranza, a cui si sono aggiunti i voti dei cosiddetti responsabili. Sul voto del senatore del Misto, Alfonso Ciampolillo, la  presidente Elisabetta Casellati ha chiesto di vedere la registrazione video della seduta dopo il caos scoppiato alla chiusura della votazione e all’esclusione del voto arrivato in ritardo sulla seconda chiama. Alla fine il suo voto è stato convalidato, come quello di Nencini, due sì aggiunti last minute.

Dopo la Polverini alla Camera, scoppia il caso Rossi in FI

Dopo il caso di Renata Polverini, scoppia quello della senatrice azzurra Maria Rosaria Rossi, considerata fedelissima di Silvio Berlusconi che ha votato la fiducia al governo Conte in serata a palazzo Madama insieme al collega forzista Andrea Causin. Per Rossi si tratta di una defezione che ha del clamoroso, destinata a far discutere all’interno e fuori dal partito. Uno strappo che coglie di sorpresa i vertici di Fi, inaspettato fino ad ora, mentre l’addio di Causin era nell’aria da qualche giorno e la sua assenza dell’Aula sin da stamane non aveva fatto altro che destare sospetti.

Una giornata di tensione sulla fiducia a Conte

Il clima, oggi, al Senato, è stato tesissimo,  da giornata cruciale, in attesa del voto di fiducia anche al Senato, che doveva garantire la sopravvivenza al governo Conte: 152-153 le previsioni più negative, a fronte di quelle più negative che danno una forbice tra 157 e 160 sì. In realtà, fa notare un navigato parlamentare centrista di centrodestra, ”quello di oggi è un voto senza storia, tutte queste asticelle se le sono inventate loro da soli, basta un voto in più e per la Costituzione il governo in carica è a posto…”.

La partita che si apre dopo il voto del Senato

La partita vera, insomma, inizierà domani. I pontieri di palazzo Chigi, raccontano, infatti, in campo per salvare il ‘soldato Ryan’, sono convinti che usciti indenni dal doppio passaggio formale in Parlamento, ci saranno dieci-quindici, se non venti giorni, a disposizione per poter trattare ancora e rafforzare l’esecutivo con un rimpastone e il sostegno di un congruo numero di ‘responsabili’, magari strutturati in un gruppo parlamentare, primo passo per la realizzazione di progetto politico di centro di ampia portata, con Conte punto di riferimento. Si tratta dello spazio di tempo che va dal varo del nuovo scostamento di bilancio fino all’approvazione del Recovery Fund. E il mercato delle vacche ricomincerà.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )