Dottoressa positiva al Covid dopo il vaccino: “Non c’è nesso. Spero di poter fare il richiamo”

martedì 5 Gennaio 15:07 - di Agnese Russo
dottoressa positiva vaccino

Dopo il caso di Siracusa, anche in Puglia si registra il caso di una dottoressa risultata positiva al Covid dopo essersi vaccinata. Qui, come in Sicilia, però, le autorità sanitarie e la stessa dottoressa rassicurano sul fatto che non esiste un nesso tra i due eventi, ricordando che il vaccino diventa pienamente efficace solo una settimana dopo la seconda dose. Dunque, la dottoressa pugliese potrebbe essersi contagiata prima o dopo la somministrazione, senza che questo infici la validità del siero.

La dottoressa positiva dopo il vaccino: “Nessun nesso”

Sto bene e sono assolutamente tranquilla. La mia positività non è connessa con il vaccino e spero di poter fare il richiamo già programmato”, ha detto il medico, in forze al 118 della provincia di Barletta, Andria e Trani (Bat). La dottoressa era stata vaccinata il 27 dicembre, una settimana dopo ha accusato sintomi tipici del Covid, è andata in ospedale ed è risultata positiva. “Sono operativa sull’emergenza Covid dal primo momento e sostengo fortemente la necessità di fare il vaccino“, ha aggiunto, parlando con l’Adnkronos. “Abbiamo una sanità fatta di gente che ha come scopo curare gli altri e prendersi cura di tutti indistintamente. Per questo – ha concluso – credo fortemente nei vaccini, nella competenza dell’uomo e nel progresso della scienza”.

Le autorità sanitarie: “Un caso che può capitare”

Per Silvio Tafuri, professore associato di Igiene dell’Università di Bari, a capo della Control room Covid, “quasi certamente” si è trattato di “un contagio pre esistente, che si è sviluppato nel momento in cui il vaccino non ha raggiunto la piena efficacia”. “Sappiamo infatti – ha ricordato il professore – che l’efficacia del 95% si raggiunge dopo sette giorni dalla seconda somministrazione”. Dunque, un’infezione che viene diagnosticata a 5-6 giorni dalla prima somministrazione “non è significativa, ma semplicemente un caso che può capitare“. Dello stesso parere anche la Asl Bt, che ha sottolineato come non ci sia alcun “nesso causale tra la vaccinazione e la positività al Covid” della dottoressa.

Lopalco: “Vaccino efficace 14 giorni dopo la seconda dose”

Dunque, per medici ed esperti anche il caso della Bat, come quello siciliano, “non rappresenta una notizia”, come ha spiegato l’epidemiologo e assessore alla Sanità della Puglia, Pierluigi Lopalco. “La vaccinazione – ha aggiunto – non può essere efficace se il contagio avviene appena prima o appena dopo l’inoculazione della prima dose”. Infatti, “i primi livelli di efficacia sono evidenziabili non prima di 14 giorni dopo la prima dose. E l’efficacia piena – ha ribadito anche Lopalco – si ottiene 7 giorni dopo la seconda dose“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica