Covid, 17572 nuovi positivi e 680 decessi. Il governo continua a litigare sulla zona rossa

16 Dic 2020 17:46 - di Redazione

Sono 17.572 i nuovi casi positivi (su 201.040 tamponi) e 680 morti. Ieri, su 164.431 tamponi eseguiti, i nuovi casi erano stati 14.844 e le vittime 846. Calano le terapie intensive ( – 77) e i ricoveri nei reparti covid-19 (-445). I guariti sono 38.485 nelle ultime 24 ore.

Questi i dati odierni mentre nel governo si continua a litigare sulle misure restrittive per il Natale. Un lungo vertice a Palazzo Chigi non ha al momento sciolto i nodi. Giuseppe Conte si oppone alla zona rossa in tutta Italia dal 24 dicembre al 6 gennaio. Misura che invece Roberto Speranza, Dario Franceschini e Francesco Boccia ritengono necessaria. Non è esclusa l’ipotesi dell’adozione di un nuovo Dpcm contenente le norme più restrittive per il Natale

il coordinatore del Cts Agostino Miozzo in un’intervista a ‘Il Messaggero’ ha spiegato che l’ultima parola spetta al governo. ”Abbiamo fornito precise indicazioni al governo, che deciderà. I provvedimenti devono fare i conti con un quadro complessivo di servizi e controlli oltre che di tutela economica agli imprenditori penalizzati, che spetta agli organismi politici valutare. Di certo, nonostante la loro variegata presenza mediatica, tutti gli esperti sono concordi nell’avvertire i pericoli che l’allentamento dei comportamenti può portare. Siamo in una fase delicata”.

”E’ stato impegnativo e la discussione è andata avanti per due giorni – racconta Miozzo – Il tema, assai delicato, era come affrontare i prossimi giorni, che sono quelli che offrono tradizionalmente le maggiori e più sentite occasioni di incontro e riunione nelle famiglie”.

”Tutti gli esperti concordano che è necessaria la massima prudenza nei comportamenti e che bisogna arrivare a rinunce necessarie, nonostante il periodo dell’anno spinga a cercare assembramenti e contatti – prosegue – Bisogna capire che non esiste rapporto familiare sicuro, che un tampone negativo non basta per dare sicurezza sulla contagiosità”.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA