Coronavirus: cani e gatti non lo trasmettono ma i loro padroni possono contagiarli

mercoledì 16 Dicembre 9:39 - di LIliana Giobbi
cani e gatti

Cani e gatti domestici non trasmettono il virus Sars-CoV-2. Ma possono essere contagiati dai loro padroni, pur non sviluppando la malattia. Lo dimostra il primo studio del progetto CovidinPet, pubblicato su Nature Communications da ricercatori dell’università Statale di Milano e dell’università di Bari.

Arruolati 919 cani e gatti

Nel lavoro pubblicato – riferiscono dalla Statale meneghina – sono stati arruolati 919 cani e gatti provenienti da aree del territorio nazionale. In particolare dalla Lombardia, in cui nella prima ondata della pandemia di Covid-19 la prevalenza della malattia nell’uomo è risultata particolarmente elevata. Nell’ambito dello studio sono stati eseguiti tamponi molecolari orofaringei, nasali o rettali per la ricerca del nuovo coronavirus, e/o esami sierologici per la ricerca di anticorpi anti Sars-CoV-2.

I positivi al test sierologico

In 528 casi erano noti i risultati di test molecolari condotti sui proprietari degli animali. Tutti i 494 tamponi processati sono risultati negativi, inclusi quelli prelevati da cani e gatti con sintomi respiratori o conviventi con proprietari che sono stati Covid-positivi. Al contrario, il 3,3% dei cani e il 5,8% dei gatti, soprattutto adulti e provenienti da aree geografiche in cui maggiore è stata la prevalenza di infezione nell’uomo, sono risultati positivi al test sierologico.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )