Brexit, la vittoria di Boris scatena i Social: «Lui cita l’Iliade, Conte e Di Maio, invece…» (video)

venerdì 25 Dicembre 13:00 - di Giovanni Pasero
brexit boris

Boris Johnson ha ottenuto l’accordo sulla Brexit e già sui Social si affollano i commenti di chi fa paragoni tra il premier britannico e i nostri governanti. Il confronto, al di là dei valori politici, è davvero imbarazzante.

La Brexit firmata da Boris infiamma i Social

La preparazione del leader dei Conservatori è immortalata da un video che, in queste ore, è tornato virale. Johnson che, in una intervista pubblica quando era sindaco di Londra, declama un canto dell’Iliade di Omero in greco antico. Il video pù efficace, quello che postiamo su Youtube, riporta in parallelo il testo in greco. Così da appurare che le parole di Boris Johnson corrispondono alla perfezione con il testo.

I video della vergogna di Conte, Di Maio, Zingaretti

Una memoria da elefante, che alcuni sui Social hanno paragonato a di Danilo Toninelli. Da ministro dei Trasporti ha firmato atti che oggi, in Tribunale, dice di non ricordare.

Quando i nostri governanti non sono smemorati, incappano in errori di italiano da quinta elementare. Il premier Conte che dice “fragranza di reato”, confondendo il pane con la giurisprudenza. Roba che neanche Nino Frassica nei suoi monologhi comici.

Per non parlare del nostro ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, che ancora non ha capito come si pronuncia coronavirus, figuriamoci se può essere paragonato con Boris Johnson. Chi sicuramente non conosce l’Iliade a memoria è il socio di maggioranza del governo, Nicola Zingaretti. Ha studiato da odontotecnico e con l’italiano ancora zoppica vistosamente, come emerge dai video su Youtube che colleziona i suoi problemi coi verbi e i congiuntivi. Resta il paragone imbarazzante tra il primo ministro britannico e i leader di Pd e M5s, che si palesano sempre più inconcludenti e inadeguati.

 

 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *