Zangrillo attacca: «C’è chi fa lo scienziato dal divano di casa o dietro una telecamera»

lunedì 16 Novembre 14:11 - di Aldo Garcon
Zangrillo

«Sars-Cov2 ha messo in linea di produzione una serie di scienziati privi dei necessari parametri per essere definiti e riconosciuti come tali». A parlare è Alberto Zangrillo, primario dell’unità operativa di Anestesia e Rianimazione generale dell’Istituto San Raffaele di Milano, nonché referente direzionale delle Aree Cliniche del medesimo ospedale, in una intervista a Libero. «Esistono anche in medicina, come in tutti i settori, quelli che non sbagliano mai. Sono coloro che stanno sul divano di casa, dietro a una telecamera e davanti a una scrivania», aggiunge. «Certa stampa, politicamente trasversale, ha gravi responsabilità – ricorda Zangrillo – se terrorizziamo le persone, non le renderemo mai responsabili. Mio padre mi ha insegnato l’importanza della carità».

Zangrillo: «Stiamo affrontando l’emergenza con metodo»

Qual è la situazione ospedaliera attualmente? «Pressione controllata dall’esterno, straordinaria risposta professionale all’interno», risponde Zangrillo. Rischiamo una situazione simile alla primavera scorsa? «Non credo – avverte – Stiamo affrontando il problema con metodo e l’approccio terapeutico corretto sta diffondendosi negli ospedali e sul territorio». Come si spiegano le scene dei malati parcheggiati in ambulanza e delle code di ore per i tamponi? «La paura è comprensibile e ha alimentato un afflusso disordinato in ogni ospedale. Quanto ai tamponi, quelli eseguiti non per tracciare ma per tranquillizzare se stessi sono inutili e pericolosi», chiarisce il medico.

«Il San Raffaele è un’eccellenza»

Lei è oggetto di numerose critiche ma poi tutti vogliono venire a curarsi al San Raffaele: come mai? «Il San Raffaele è un’eccellenza internazionale, un patrimonio a disposizione di tutti – replica Zangrillo – Chi ci lavora deve solo preoccuparsi di dimostrare ogni giorno di meritarselo». Le polemiche tra virologi sono inevitabili, visto che ogni medico ha le sue opinioni, o hanno travalicato i limiti? «Guardi che Remuzzi, Gattinoni, Richeldi, Rassetti, Lorini, Ippolito e il sottoscritto non sono virologi», risponde Zangrillo.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica