Vienna colpita dai terroristi, 4 morti e 17 feriti. Blocchi nel cuore della città, controlli ai confini

martedì 3 Novembre 8:07 - di Edoardo Valci
Vienna colpita dai terroristi

Colpi d’arma da fuoco, panico per le strade. Un attacco in 6 punti della capitale austriaca. Vienna colpita dai terroristi. killer armati di fucili, città sotto assedio. Ore di panico, due uomini e una donna  sono morti. Diciassette i feriti tra cui un agente di polizia, 6 in pericolo di vita. All’inizio i terroristi hanno agito vicino alla sinagoga a Schwedenplatz. Diversi gli attentatori, uno dei quali è morto. Contemporaneamente in altri punti della città altri attacchi dove ci sono state scene da guerra. La polizia ha fatto sdraiare per terra i passanti per perquisirli. L’unità speciale Cobra ha allertato tutte le forze disponibili da Wiener Neustadt, Graz e Linz.

Vienna colpita dai terroristi, l’attentatore con le munizioni

Secondo le prime indiscrezioni, l’attentatore ucciso dalla polizia aveva una cintura esplosiva e una borsa carica di munizioni. Lo aveva riferito un membro dell’unità di crisi, Patrick Budgen. Poi il capo della polizia ha smentito il particolare della cintura esplosiva. L’attacco terroristico di Vienna – scrivono sul web gruppi jihadisti – fa parte del “conto” per la partecipazione austriaca alla coalizione anti Isis, guidata dagli Usa.

I feriti in ospedale: «Li proteggiamo»

Le 17 persone ferite sono in sei ospedali della capitale austriaca. Alcune di loro sono state sottoposte a intervento chirurgico. Lo ha riferito il direttore medico dell’Associazione sanitaria di Vienna, Michael Binder. Anche le misure di sicurezza negli ospedali sono state intensificate, come ha affermato il direttore della struttura: «Sono ben protetti».

Le testimonianze: «Sparavano all’impazzata»

Paura negli occhi di chi era nelle zone: «Vienna colpita dai terroristi. Hanno sparato almeno 50 colpi di arma», ha raccontato un testimone alla televisione austriaca. Un altro ha detto di aver visto «correre una persona con un’arma automatica che sparava all’impazzata». Gli assalitori di Vienna hanno colpito a caso alcune persone che si trovavano nel giardino di un bar, ha riferito al Kurier il rabbino Schlomo Hofmeister, che vive sopra al luogo di preghiera di Vienna. Secondo la sua testimonianza, «l’autore si è mosso in direzione di Hoher Markt e della chiesa di San Ruperto». E ha sparato alle persone che erano sedute nel giardino di un pub in Judengasse e Seitenstettengasse, «senza mirare alla sinagoga».

«Tutti in casa, scuole chiuse»

Gli attentatori responsabili dell’attacco a Vienna «sono pericolosi e hanno armi pesanti», ha detto il ministro dell’Interno austriaco Karl Nehammer. «Bisogna restare in casa, scuole chiuse. Ci sarebbe un altro terrorista in fuga». Poi ha aggiunto: «Se non avete motivi professionali seri o motivi seri di altro genere» non uscite, evitate il centro cittadino. Tenete i bambini a casa». Questo «è il giorno più difficile a cui assiste l’Austria da molti anni. Ci sono blocchi nel cuore di Vienna e faremo controlli ai confini dell’Austria. Abbiamo un pericolo davanti a noi e dobbiamo cercare di difenderci».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica