Il sindaco di Condofuri (Rc) denuncia Cotticelli: “Ha messo a rischio la salute di 2 milioni di calabresi”

sabato 14 Novembre 16:37 - di Redazione

Non si chiude il caso Cotticelli. “Questa mattina ho provveduto a inoltrare alla procura della Repubblica di Catanzaro atto di denuncia nei confronti del generale Saverio Cotticelli. Fino a qualche giorno fa commissario ad acta per la sanità nella Regione Calabria”. Così il sindaco di Condofuri, in provincia di Reggio Calabria, Tommaso Iaria.

Il sindaco di Condofuri denuncia Cotticelli

“Dopo lo scoop giornalistico della trasmissione televisiva Titolo Quinto”, spiega il primo cittadino calabrese, “è clamorosamente emersa la mancata adozione da parte del Commissario del Piano di riorganizzazione.  Previsto dall’articolo 2 del decreto legge 34/2020. Una vicenda che lascia basiti per le modalità attraverso le quali le notizie sono state apprese. E  per la gravità delle stesse”. Iaria punta l’indice contro l’inerzia di Cotticelli. Che ha implicato – scrive – l’individuazione della Calabria tra le Regioni ‘rosse’. Comportando un danno enorme ai comparti produttivi calabresi. E messo seriamente a rischio la salute di due milioni di calabresi“.

“Mi sono sentito tradito come cittadino e come sindaco”

Subito dopo il primo cittadino spiega: “Anch’io, come molti miei concittadini, mi sono sentito tradito ed umiliato dalle omissioni perpetrate dal commissario. E mi sono sentito offeso dalle sue patetiche giustificazioni. Poiché ritengo gravissimo l’aver omesso di compiere un atto che per ragioni di giustizia, ordine pubblico e sanità doveva essere compiuto senza alcun ritardo. Ho ritenuto doveroso chiedere alla Procura della Repubblica di Catanzaro di disporre gli opportuni accertamenti. Valutando i profili di illiceità penale e procedere nei confronti dei loro possibili responsabili. Non credo di aver fatto nulla di eccezionale, ma di aver adempiuto ad un mio preciso dovere di sindaco e di cittadino“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica