Anche una giovane atea può scoprire Dio. Il romanzo-confessione di Elisa Fuksas

sabato 14 Novembre 16:53 - di Riccardo Arbusti

È davvero un romanzo diverso. Scritto con tecnica cinematografica e a tratti da narrazione diaristica céliniana, fotografando la quotidianità della nostra frammentaria condizione postmoderna e globale, riesce a raccontare un percorso di conversione con il linguaggio reale dei nostri giorni. Parliamo di Ama e fai quello che vuoi (Marsilio, pp. 473, euro 19,00) di Elisa Fuksas, regista e scrittrice romana. Una cosa è indiscutibile: tutto nella storia di Elisa l’aveva tenuta lontano dalla fede e dal cristianesimo. La famiglia di provenienza (“se avevo una certezza era: mio padre non crede in Dio. E neanche mia madre”); gli amici dei genitori e l’ambiente frequentato, anche il liceo “bene” e i colleghi universitari; la frequenza, fin dalle elementari, della materia alternativa al posto dell’ora di religione; i santi raffigurati negli affreschi delle chiese visitate con il padre che erano semplicemente “i signori con il cappello giallo”; lei stessa che aveva “accompagnato ad abortire almeno sei amiche”. Fino alla sua confessione: “Non ho chiesa, non ho parroco, forse non ho nemmeno un’appartenenza. Al momento non ho niente”.

Il Mistero può fare breccia nella quotidianità

Eppure, come dimostra il romanzo-diario, anche dentro questa vicenda il Mistero può fare breccia. Il romanzo autobiografico di Elisa Fuksas  è il racconto in presa diretta, sincero, genuino, appassionato e coinvolgente di una conversione, fino alla decisione di battezzarsi, di una giovane donna reale, immersa nell’Italia del 2020, con tutto il disastro relazionale, il vuoto esistenziale, la fragilità umana e il politicamente corretto dominante tipici della nostra quotidianità.

Vicende narrate senza inutili retoriche

Nel diario le vicende vengono dipanate senza inutili retoriche, pose intellettualistiche e false edulcorazioni, in un percorso di tutti i giorni, che si svela al lettore senza censure e abbellimenti e in cui contraddizioni, timori, ripensamenti e dubbi improvvisi si intrecciano all’incessante scoperta che “il Mistero prende il volto delle cose che possono parlarci”. E attraverso l’incontro col Mistero si sgretolano certezze di comodo, stereotipi, rassicurazioni superficiali: “Sì, ho letto Giussani, oddio santo: Comunione e Liberazione. Tu? Comunione e Liberazione? Sì, l’ho letto. Non ho firmato nessun patto di sangue con nessuno. E mi ha emozionato. Sto imparando a non essere ideologica…”.

Chi sono i protagonisti

Elisa ha trentasette anni: niente figli; un ex fidanzato, Giacomo, che per difficoltà economiche vive da lei; un nuovo corteggiatore conosciuto durante una lezione di yoga, Luca, alto e del Nord, di professione regista e con due figli; una sorella, Bianca, molto ma molto diversa da lei; due genitori, intellettuali laici, che però un anno prima che la storia inizi avevano deciso di sposarsi in chiesa; una nonna molto anziana che dopo la rottura del femore si ammala di Alzheimer; un cane, Stella, con cui Giacomo dorme abbracciato. Elisa come Giacomo non ha un vero lavoro, lei cerca contatti per realizzare film e pubblicità, lui tenta di affermarsi come consulente filosofico. Il tutto con difficoltà e frustrazioni…

Le domande sul senso della vita

In questo scenario il romanzo si snoda attraverso una serie di “incontri” all’interno di una vita quotidiana nella quale ciascuno di noi – credente oppure no – potrebbe ritrovarsi in pieno, grazie anche a uno stile narrativo realistico, tutto modulato sul linguaggio dei giovani reali di oggi ma al tempo stesso estremamente profondo. Ci sono le domande sul senso della vita e la paura per la morte e per “un’esistenza qualunque”; gli amori e gli affetti che da soli non bastano perché, anche se sono legami “fortissimi” sono a volte “senza mistero”; l’insofferenza per le superficialità del pensiero dominante e le frequenti scorciatoie professionali del mondo creativo, fino al desiderio di un’appartenenza a qualcosa di più grande perché “non si può stare al mondo così, come per caso…”. Ma in tutto ciò niente di retorico e ricostruito artificialmente… Emergono in primo piano le relazioni affettive della protagonista, la sua difficoltà a lasciarsi andare in una storia definitiva, il vivere a casa con il suo ex e l’impegno con un altro uomo che ha già due figli… Niente di consolatorio o di devozionale, come nelle biografie dei convertiti del Novecento.

La fede si accende nel concreto di un’esistenza

È un libro che, con il linguaggio di YouTube, Facebook e Instagram e la sensibilità dei ragazzi che studiano o hanno studiato nell’ultimo decennio, riesce in qualche modo a gettare una luce di speranza in tempi così contraddittori, vuoti di senso e pieni di vicoli ciechi, dimostrando ancora una volta – alla luce di una esperienza personale autentica – il riaccadere della fede come riconoscimento di una presenza misteriosa nella concretezza di un’esistenza. Elisa conclude: “Ho sempre paura di morire, ho sempre paura di vivere. Anche se ora, forse, un po’ di meno”. E, all’inizio ammette: “Prima di questo libro, e di scoprire la fede, non avevo idea di cosa significasse la parola ‘liturgia’, oggi invece mi pare la risposta codificata di Dio alle nostre preghiere, un punto d’incontro reale tra noi e un Dio vivente”. Ecco, nel libro di Elisa Fuksas, scritto seguendo le tappe dell’anno liturgico, appare in evidenza lo straordinario ossimoro della possibilità della Liturgia dentro gli orizzonti della postmodernità.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )