Musumeci interviene sui 18 pescatori sequestrati: “Dalla Libia un atto di pirateria. Il governo si muova”

lunedì 5 Ottobre 18:40 - di Davide Ventola

“Non è la prima volta che i pescatori siciliani sono vittime di un atto di pirateria dei Paesi nordafricani”. Così il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, ricevendo i familiari dei 18 marittimi in mano alla Libia.

Musumeci: “Pagano il conto sempre i pescatori siciliani”

“Seguo con grande apprensione questa vicenda – ha detto Musumeci – e condivido la vostra preoccupazione. È mio dovere farlo, come presidente della Regione e come cittadino. Questa delle piraterie a danno dei nostri pescherecci è una storia vecchia che si ripete e di fronte alla quale i governi italiani non hanno mai saputo trovare un’intesa risolutiva con i Paesi nordafricani. A pagarne il conto però sono sempre i pescatori siciliani“.

“Ho più volte sollecitato l’intervento del governo Conte”

“Ho più volte sollecitato l’intervento del premier Conte e del ministro degli Esteri Di Maio. Il presidente del Consiglio mi ha assicurato l’impegno personale e immediato. È necessario l’intervento fermo del governo nazionale per fare un po’ di chiarezza su questa storia che sta toccando i cuori di tutti i siciliani, i quali partecipano e condividono la vostra ansia e le vostre preoccupazioni” ha detto Musumeci rivolto ai familiari. “Restare nell’incertezza non si può, è un continuo logoramento, vogliamo sapere la verità sulla sorte dei pescatori“.

Aderendo all’invito rivolto dal governatore siciliano, i familiari dei pescatori sono giunti in mattinata a Palermo dopo 13 giorni trascorsi a Roma, dove si sono anche incatenati, davanti a Palazzo Chigi. Presente all’incontro anche il sindaco di Mazara del Vallo, Salvatore Quinci, che ha rassicurato sulle condizioni di salute dei pescatori trattenuti in Libia.

Salvini sui pescatori sequestrati Libia: “Conte, sveglia!”

I 18 marittimi dei pescherecci Antartide e Medinea, salpati da Mazara del Vallo, sono trattenuti dal primo settembre a Bengasi, dopo essere stati fermati dalla guardia costiera della libica. Inizialmente, a 38 miglia nautiche da Bengasi, le motovedette della guardia costiera di Haftar, hanno bloccato 4 pescherecci.
“Il governo spalanca porte e porti ai clandestini, ma non riesce a riportare a casa 18 pescatori italiani. Conte sveglia!”. Così, su Twitter, il leader della Lega Matteo Salvini, riferendosi ai pescatori ancora bloccati in Libia.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica