Messina, immigrato si rifiuta di indossare la mascherina e prende a testate i poliziotti

sabato 10 Ottobre 11:59 - di Roberto Mariotti
si rifiuta di indossare la mascherina

Un altro episodio di violenza. Stavolta a Sant’Agata Militello, in provincia di Messina. Un immigrato marocchino si rifiuta di indossare la mascherina e aggredisce i poliziotti che lo invitavano a farlo. Momenti di fortissima tensione, esplode la violenza del giovane ventiduenne. Solo alla fine, tra mille difficoltà, i militari gli mettono le manette ai polsi.

Si rifiuta di indossare la mascherina e diventa una furia

Il tutto ha luogo durante un controllo in un esercizio commerciale. Gli agenti sono al lavoro per verificare il rispetto delle norme anti-Covid. Si accorgono che il giovane che non ha il dispositivo di protezione e lo invitano a indossare la mascherina. A quel punto l’immigrato marocchino,  in evidente stato di alterazione psico-fisica, inizia a inveire contro gli uomini in divisa. Sbatte la testa sull’asfalto e si scaglia contro i mezzi in sosta, sfondando il lunotto posteriore di un’auto.

Pugni e testate ai poliziotti

Quando i poliziotti provano a fermarlo, li aggredisce con calci, pugni e testate. Due di loro riportano lesioni giudicate guaribili rispettivamente in 3 e 7 giorni. Il giovane viene bloccato e arrestato.

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi