Medaglia d’oro a Willy Monteiro. Giorgia Meloni: “È un eroe di questo tempo, un atto doveroso”

giovedì 8 Ottobre 18:23 - di Redazione

“Grazie al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per aver concesso la Medaglia d’oro al Valor Civile alla memoria di Willy Monteiro“. Giorgia Meloni su Facebook commenta l’onoreficenza al giovane di 21 anni ucciso a calci e pugni per aver difeso un amico. “Un atto estremamente importante e simbolico”, prosegue la leader di Fratelli d’Italia. “Che avevamo proposto in Parlamento con una mozione sottoscritta e condivisa da forze di opposizione e maggioranza. Willy è un eroe di questo tempo. E riconoscerlo come tale era una dovere delle Istituzioni”.

Medaglia d’oro a Willy: ‘luminoso’ esempio di altruismo

Il giovane dal sorriso dolce, massacrato da giovani palestrati e tatuati cresciuti a risse e violenza, è un luminoso esempio di altruismo, coraggio e senso civico. Queste le motivazioni che hanno indotto il Colle a firmare il decreto su proposta del ministro dell’Interno.

“Con eccezionale slancio altruistico e straordinaria determinazione, dando prova di spiccata sensibilità e di attenzione ai bisogni del prossimo, interveniva in difesa di un amico in difficoltà.  Cercando di favorire la soluzione pacifica di un’accesa discussione”, si legge nella motivazione. “Mentre si prodigava in questa sua meritoria azione di alto valore civico, veniva colpito da alcuni soggetti sopraggiunti. Che cominciavano ad infierire ripetutamente nei suoi confronti con inaudita violenza. E continuavano a percuoterlo anche quando cadeva a terra privo di sensi, fino a fargli perdere tragicamente la vita. Luminoso esempio, anche per le giovani generazioni, di generosità, altruismo, coraggio e non comune senso civico, spinti fino all’estremo sacrificio”.

Omicidio Colleferro, Bianchi si difende: non l’ho mai visto in faccia

Intanto Gabriele Bianchi, indagato insieme al fratello e ad altri due per l’omicidio di Colleferro, si difende come può. “Willy? Io non saprei proprio come sia fatto, se dovessi descriverlo”, risponde davanti al giudice di garanzia Giuseppe Boccarrato.. “L’ho visto solo in tv quando sono state dette tutte quelle cose brutte sul mio conto. E su quello di mio fratello. Ma non l’ho sfiorato con un dito”. La tesi difensiva è quella di non essere stato coinvolto direttamente nel pestaggio di Willy Monteiro, ucciso nella rissa davanti al locale ‘Duedipicche’. E anzi di non averlo mai visto in faccia, se non in televisione. La ricostruzione, dunque, dopo le domande del giudice, si fa ancora più confusa. Gabriele Bianchi si ritiene responsabile solo di una spinta nei confronti di Emanuele Cenciarelli, l’amico che Willy ha difeso prima di essere ucciso.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • antonio 9 Ottobre 2020

    Condoglianze per Willy.
    Ma non si può fare a meno di notare come persone qualsiasi e in alcuni casi anche dubbie sia acclamate come eroi in questa Italia senza “bussola” dove onesta, lealtà, dovere, legalità valgono sempre meno anzi spesso vengono sostituite da odio, provocazione, illegalità e prepotenza. Di Willy non sò niente, sarà stato pure un bravo ragazzo e non voglio entrare nel merito come sia arrivato qui, è stato ucciso da dei “bruti” e per questo le menti “disorientate ” ne hanno fatto un’eroe, le stesse menti che hanno beatificato Carlo Giuliani e Stefano Cucchi, addirittura intestando al primo un’aula del Parlamento ed al secondo una via. Eroi della trasgressione che certo non meritavano di morire ma che definire eroi è fuorviante.
    EROI sono quelli che danno la loro vita per gli altri come: Aurelio Visalli, il militare eroe morto a Milazzo per salvare in mare due ragazzini spericolati; Pasquale Apicella, 37 anni, agente scelto della polizia di Stato, morto nel tentativo catturare dei rapinatori; i 3 poliziotti del reparto mobile di Palermo. feriti da circa 65 migranti che hanno dato vita a una rivolta, ad Agrigento, nel centro di accoglienza al Villaggio Mosè; Rinaldo Challancin morto durante un intervento di soccorso in un paese della bassa Valle d’Aosta; la lista degli eroi è infinita in questa “povera” Italia, EROI sono quelli che dedicano la loro vita per il soccorso e la difesa degli altri.

  • Bruno Cirio 9 Ottobre 2020

    Commovente e giusto ma vorrei vedere la stessa solerzia per le vittime degli emigranti, stuprate, uccise, tagliate a pezzi, investite con l’auto appositamente e piu volte , ecc.. sopprattutto vorrei vedere lo stesso interesse dei media , con notizie per giorni e settimane, inchieste dibattiti e forum vari. Forse non lo fanno per evitare che i buonisti cambino idea, anche sul loro voto?

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica