Condannata Alba Dorata: “È un’organizzazione criminale”. Scontri davanti al tribunale di Atene (video)

mercoledì 7 Ottobre 13:40 - di Laura Ferrrari
Alba Dorata, scontri

Dopo un processo durato oltre cinque anni, i leader del partito greco di estrema destra Alba Dorata sono stati giudicati colpevoli dell’accusa di aver guidato un’organizzazione criminale che terrorizzava gli stranieri, gli immigrati, gli oppositori politici e chiunque venisse percepito come un nemico. Il verdetto è stato accolto con un applauso dalle migliaia di manifestanti antifascisti che si erano radunati fuori dal tribunale. Alcuni di questi manifestanti si sono scontrati con la polizia, che ha fatto uso di gas lacrimogeni. Gli imputati, compreso il leader di Alba Dorata Nikolaos Michaloliakos, rischiano fino a 10 anni di carcere.

Il processo è iniziato 5 anni fa

Alba Dorata ottenne 18 seggi nel 2012, quando la Grecia era alle prese con la grave crisi finanziaria che portò all’intervento della Troika. L’inchiesta era iniziata nel 2013, dopo l’uccisione del rapper comunista Pavlos Fyssas. Nel processo contro i 68 imputati, hanno testimoniato centinaia di persone.

Il tribunale di Atene ha giudicato il leader del partito Nikos Michaloliakos e altri sei dirigenti colpevoli di aver guidato un’organizzazione criminale. I giudici hanno ritenuto colpevole di omicidio del rapper, un sostenitore del partito, Giorgos Roupakias. Altre 15 persone, invece, sono state ritenute responsabili di complicità nella vicenda. Ma gli scontri tra esponenti di destra e di sinistra hanno raggiunto in passato livelli da guerra civile. 

Alba dorata

Al momento del verdetto, la madre di Fyssas ha esultato e la foto è diventata rapidamente virale sui Social: “Pavlos ce l’ha fatta. Figlio mio!”.

Rappresentanti dei partiti di tutte le forze politiche, dal partito conservatore di governo Nuova Democrazia al Partito Comunista greco e l’ex partito di sinistra SYRIZA al governo, erano fuori dal tribunale.

Il punto cruciale del caso era se la serie di attacchi violenti potesse essere collegata alla leadership di Alba Dorara. E se il partito operasse come organizzazione criminale. L’indagine preliminare ha indicato che il partito operava come gruppo paramilitare, con ordini impartiti dalla direzione del partito alle organizzazioni di quartiere e ai gruppi d’assalto che hanno effettuato attacchi ai migranti che spesso hanno provocato gravi lesioni.

Alba Dorata è stato il terzo partito della Grecia

Ma durante il processo, il pubblico ministero ha raccomandato l’assoluzione di molti membri del partito per l’accusa di organizzazione criminale per mancanza di prove. Alba Dorata ha sempre respinto qualsiasi collegamento diretto con gli attacchi e ha descritto il processo e le accuse contro i vertici del partito come una “cospirazione senza precedenti” volta a frenarne l’aumento di popolarità del movimento. Alle elezioni del 2012 era riuscito a entrare nel Parlamento ottenendo 18 seggi sui 300 disponibili, e alle elezioni legislative del gennaio 2015 ottenne il 6,28 per cento dei voti, diventando il terzo partito della Grecia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • GIO' 8 Ottobre 2020

    ECCO COME FERMANO L’AVANZATA DI DESTRA….L’eurasia HA PAURA DELLA DESTRA E INVENTA DI TUTTO PUR DI CONTINUARE A DISTRUGGERE IL VECCHIO CONTINENTE. CONTINUATE PURE COSI’ CHE LA DESTRA AVANZA SEMPRE PIU’…..!!!!!….

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica