Violenza nella metro di Milano: insegue un ladro e lo riduce in coma con un pugno in faccia

martedì 15 settembre 8:15 - di Edoardo Valci
metro di milano

Finisce nel sangue l’ennesima rapina nella metro di Milano. Un giovane di 30 anni, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, avrebbe tentato di scippare la borsa a una donna in un vagone della metropolitana. Ma un passeggero è corso in aiuto della vittima del furto e ha colpito con un pugno in faccia il borseggiatore alla fermata della M1 Sesto Primo Maggio, mandandolo in coma.

 Metro di Milano, il presunto ladro in codice rosso

I fatti – come riportano le cronache dei giornali locali – sono stati ricostruiti dai militari e dai soccorritori che sul posto sono intervenuti con due equipaggi in codice rosso su ambulanza e automedica. Il presunto ladro avrebbe riportato un importante trauma cranico dopo essere stato colpito da un uomo a mani nude. Ora è in prognosi riservata e in condizioni considerate molto gravi.

La ricostruzione dei fatti

Sulla banchina della stazione della metro di Milano hanno portato soccorso medici e infermieri. Il  passante si è lanciato all’inseguimento del ladro dopo il tentato scippo a una passeggera della metro Atm. Secondo alcuni testimoni, una volta raggiunto, gli avrebbe sferrato un solo pugno. Ma tanto è bastato per far crollare l’uomo al suolo e mandarlo in prognosi riservata. Poi il passante ha fatto perdere le proprie tracce.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica