Torino, straniero scatena la violenza per una birra: il commerciante si barrica nel negozio per salvarsi

mercoledì 2 settembre 8:15 - di Edoardo Valci
birra

Un cazzotto sferrato al petto, la paura, la corsa per sottrarsi alle botte. Panico a Torino a causa di una birra. A scatenarlo, un romeno di 47 anni che, per pagare meno, non ha esitato a usare violenza. Tutto è accaduto in un minimarket. L’uomo ha messo piede nel locale per acquistare una bottglia di birra. L’ha presa in frigo e si è avvicinato alla cassa. Qui ha iniziato a litigare con il titolare dell’esercizio commerciale.

Violenza cieca per una bottiglia di birra

Non voleva saperne di sborsare il suo effettivo costo, ossia un euro e venti centesimi. Un prezzo equo, non certo esornitante, anche perché la bottiglia era conservata al fresco. Allora il romeno ha lasciato soltanto un euro sul bancone per poi allontanarsi. A quel punto il commerciante ha deciso di seguirlo per farsi dare quanto dovuto O quantomeno farsi ridare indietro la birra.

L’aggressione al titolare del minimarket

Niente da fare. Anzi, la situazione è peggiorata. Il 47enne romeno, infatti, di tutta risposta l’ha colpito con un pugno in pieno petto. Il titolare, allora, per non finire male ed evitare guai peggiori, si è letteralmente rifugiato nel suo minimarket. Ha abbassato la saracinesca e ha chiamato le forze dell’ordine.

 La birra, le botte, l’intervento della polizia

A intervenire, la pattuglia della Squadra Volante. I poliziotti hanno trovato il cliente ancora fuori dal negozio. Era in evidente stato di alterazione psico-fisica, intento ad urlare e a provare in ogni modo a rientrare nel negozio. Il tutto per la birra.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica