Scuola, i pediatri: «L’obbligo del certificato medico per il rientro in classe è inutile e dannoso»

domenica 20 Settembre 14:10 - di Liliana Giobbi
certificato medico

«La richiesta di reintroduzione dell’obbligo del certificato medico per il rientro a scuola è priva di fondamento scientifico. Contraddice le raccomandazioni sin qui promosse per contenere l’epidemia. Il mondo della scuola dovrebbe volere insieme a noi le misure che consentano a bambini e ragazzi di frequentare le lezioni in sicurezza». Lo afferma Paolo Biasci, presidente della Federazione italiana medici pediatri (Fimp).  Replica così alla richiesta dei presidi di rendere obbligatoria – dopo un’assenza superiore a 5 giorni – la presentazione del certificato medico per la riammissione a scuola.

I pediatri e il certificato medico

«La reintroduzione del certificato medico si basa solo sulla valutazione delle condizioni cliniche. Offrirebbe quindi una falsa sicurezza sulle condizioni di contagiosità degli alunni», aggiunge. «Restiamo alle norme dell’ultimo Dpcm. Seguiamo il percorso assistenziale indicato che prevede l’esecuzione del tampone naso-faringeo in tutte le principali e più frequenti condizioni che causano l’assenza dalle comunità scolastiche. Piuttosto cerchiamo di migliorarne la gestione degli aspetti organizzativi, per la quale durante gli ultimi mesi si è fatto ben poco».

Adempimento burocratico cancellato

«Abbiamo ormai un collaudato sistema di triage telefonico, eventualmente associato al videoconsulto», afferma Biasci. «Ci permette di individuare tutti i casi sospetti di infezione da Covid-19. Per una frequenza scolastica in sicurezza abbiamo la necessità del referto di un tampone in tempi più rapidi possibili. In questo modo si può redigere un attestato che permetterà il rientro a scuola. Vogliamo tornare ad affollare gli studi dei pediatri di famiglia con accessi non necessari per un adempimento burocratico cancellato tempo fa, proprio perché privo di valore scientifico e che non permette di escludere la contagiosità?».

«Velocizzare i tempi dell’esito del tampone»

«Come possiamo certificare con certezza la non contagiosità di un paziente senza prima aver effettuato l’unico test ad oggi validato per risolvere la diagnosi? Piuttosto – conclude Biasci – concentriamoci sugli aspetti organizzativi della gestione dell’epidemia. Noi stiamo facendo la nostra parte, ma non è possibile dover attendere 4-5 giorni e anche più l’esito del tampone naso-faringeo per il Covid-19 quando, se lo stesso paziente va in Pronto Soccorso, la risposta arriva in 4 ore. Cerchiamo di ridurre la disparità tra tempi dell’ospedale e del territorio. I primi a beneficiarne saranno i bambini e le loro famiglie».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica