Milano, subito scarcerato l’immigrato autore della rapina in metro: in cella solo per qualche ora

venerdì 18 Settembre 9:31 - di Liliana Giobbi
Milano

La vicenda aveva creato sconcerto a Milano. Ed è quella dell’immigrato marocchino che – dopo aver cercato di rapinare una donna della sua borsa – era stato colpito con un pugno in volto da un passeggero. Che poi l’aveva immobilizzato in attesa dei carabinieri. Ma il rapinatore era caduto momentaneamente in coma in ospedale. Aveva un tasso alcolico alto.. Si era poi ripreso e aveva fatto ingresso nel carcere di Monza.

Milano, dal tribunale niente convalida per l’arresto

L’uomo, 23 anni, disoccupato, in cella è rimasto pochissimo. Il giorno dopo era già fuori dalla galera. Niente convalida, perché il tribunale ha considerato illegittimo l’arresto. Secondo il magistrato, non era infatti avvenuto in flagranza di reato e la ricostruzione dei carabinieri e del testimone non trovava conferme totalmente nelle immagini delle telecamere della metro e soprattutto dalla vittima, che si era allontanata subito dopo il tentato scippo.

La vittima ha presentato denuncia

La vittima, una trentenne, ha comunque presentato denuncia confermando la ricostruzione dei testimoni e dei militari. Il che consentirebbe di tornare sulla vicenda. Il problema è che il rapinatore non ha un domicilio ed è difficile ritrovarlo.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica